Assetto organizzativo e processi di lavoro: la prima riforma in Unisalento

Su iniziativa del rettore, Fabio Pollice, costituito un gruppo di docenti, coordinato dal professore Luigi Spedicato per rivedere il modello di gestione

LECCE – L’Università del Salento ha avviato lo studio per una proposta organica di riforma amministrativa. Allo scopo è stato istituito un gruppo di lavoro, formato dai docenti Luigi Spedicato, Francesco Natale, Emanuela Ingusci e Antonio Iazzi, che opererà in stretto contatto con il direttore generale, Donato Di Benedetto.

Il rettore, Fabio Pollice, spiega così l’iniziativa: “Una riorganizzazione si rende necessaria sia perché negli anni è profondamente mutato lo scenario di riferimento e lo specifico contesto competitivo in cui l’università si trova a operare, sia perché la contrazione del personale, determinata dalle politiche di finanziamento del sistema universitario, ha reso improcrastinabile la ridefinizione dell’attuale modello organizzativo e la reingegnerizzazione dei processi lavorativi. Non si tratta soltanto di ridisegnare l’assetto organizzativo, ma anche di rivedere i singoli processi di lavoro, con l’obiettivo sia di renderli più efficienti e qualitativamente adeguati, sia di valorizzare al meglio le professionalità di cui l’ateneo può disporre ed elevare, così, anche il livello di motivazione e di coinvolgimento del personale interessato”.

Il coordinatore del gruppo di lavoro, il professor Spedicato, ha assicurato che “per assicurare che la riorganizzazione possa divenire un progetto condiviso e condurre a un effettivo miglioramento del benessere lavorativo – obiettivo imprescindibile perché il riassetto organizzativo possa risultare efficace e sostenibile – la riorganizzazione si baserà, oltre che sul confronto con le organizzazione sindacali, anche sul coinvolgimento del personale di ateneo, così che tutti possano sentirsi parte del progetto”. La speranza è che, ha aggiunto il docente, “il governo si avveda del ruolo strategico che le università svolgono per lo sviluppo del Paese e torni a finanziare l’aumento delle piante organiche degli atenei, a partire da quello, come per l’appunto il nostro, in cui si registrano condizioni di evidente sofferenza strutturale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il percorso di riorganizzazione partirà da alcune aree gestionali che presentano palesi criticità. I primi interventi sono attesi già prima dell’estate, mentre la riorganizzazione generale nel complesso dovrebbe richiedere dieci mesi di lavoro e un periodo di implementazione altrettanto lungo. Intanto, con le risorse a disposizione, il Senato Accademico e il Consiglio di Amministrazione hanno deciso di inaugurare nuove politiche di reclutamento del personale tecnico-amministrativo, destinandovi oltre il cinquanta per cento dei punti organico finanziati nell’ambito della programmazione relativa al biennio 2021-2022. “Una decisa svolta – ha concluso il rettore - rispetto alle politiche del recente passato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento