menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Assunzioni in Mps: 250 dipendenti in sostituzione dei 500 pensionamenti

Il piano è frutto di un accordo con i sindacati. Fisac Cgil: "Una buona notizia ma si dia priorità alle esigenze dei dipendenti che intendono passare alla rete commerciale"

LECCE – Sono 250 le assunzioni annunciate dal Monte dei Paschi di Siena, indispensabili per sostituire i 500 lavoratori che andranno in pensione su base volontaria entro il 2021. Il piano ha origine dall’accordo raggiunto tra sindacati e istituto bancario relativo alla riorganizzazione prevista dal piano industriale 2017-2021.

Le assunzioni riguarderanno principalmente la rete commerciale e potranno usufruire di questa opportunità i dipendenti di Mps, Mps capital service, Mps leasing & factoring e Widiba che maturano i requisiti pensionistici entro il 1° gennaio 2025.

Fisac Cgil parla di un accordo importante: “Finora, in ossequio alle disposizioni della Bce, il piano industriale prevedeva esclusivamente esuberi, 4mila e 800 in totale mentre ad oggi sono state realizzate o programmate 3 mila uscite”.

Il sindacato però preme per conciliare le esigenze di Mps con quelle dei lavoratori: “Occorre trovare il giusto equilibrio - dice il segretario Maurizio Miggiano -. Ben vengano le 250 assunzioni, ma si tutelino anche le esigenze dei dipendenti. A Lecce ci sono 500 persone che lavorano in una sorta di direzione generale distaccata".

"Prima di indirizzare le nuove assunzioni, occorre ascoltare le tante professionalità della direzione salentina, e anche di altri uffici, che intendono passare alla rete commerciale e che non avrebbero neppure bisogno di un periodo di formazione, come per i neoassunti - puntualizza il sindacalista -. Stesso discorso per i 109 ex dipendenti salentini di Fruendo, che per effetto delle sentenze in questi mesi rientreranno in banca, e le cui competenze possono rafforzare la rete commerciale”.

Infine per Miggiano la banca “si rafforza se acquisisce un ruolo anche come banca pubblica di investimento".

"L’ultimo accordo è importante, perché può aprire nuovi scenari - conclude lui -. La Bce finora aveva imposto solo tagli: queste 250 assunzioni costituiscono una fondamentale inversione di tendenza. Ora forse è possibile tornare a parlare di un piano per le progressioni di carriera, da tempo bloccate: sarebbero a costo zero per Mps e potrebbero dare linfa vitale anche alla rete commerciale su cui si punta tanto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento