Sabato, 18 Settembre 2021
Attualità

Aste giudiziarie, l'Associazione nazionale pronta a costituirsi parte civile

L'ente prende le distanze e ricorda che il servizio ora è gestito da un'altra società. E' il Consorzio Stabile Ivg di Lecce

La sede nel nuovo istituto.

ROMA - L’Associazione nazionale istituti vendite giudiziarie interviene sulla vicenda per la quale è scattato ieri mattina l’arresto di Rossana Tornese, 45enne leccese (un’operazione della guardia di finanza) e precisa che le persone coinvolte appartengono alla vecchia società concessionaria, già da tempo soggetta a revoca dall’autorità ministeriale.

Non solo. L’ente presieduto da Giovanni Colmayer, aggiunge anche che l’ex istituto coinvolto non ha mai fatto parte dell’Associazione nazionale e che, qualora se ne ravvisasse la possibilità, in base al nuovo codice deontologico, potrebbe costituirsi parte civile.

“Nei mesi scorsi è stata attivata una nuova concessione ministeriale per le vendite giudiziarie di Lecce – spiega Colmayer -, in via di iscrizione alla nostra associazione, che riscuote la nostra massima fiducia, essendo portatrice di un importante progetto industriale di sviluppo, i cui soci provengono da importanti esperienze imprenditoriali”.

“Da questa nuova realtà – aggiunge - partirà un’operazione di efficienza, trasparenza ed efficacia che, siamo certi, farà presto dimenticare questi spiacevoli episodi. Abbiamo avviato un dialogo con il ministero affinché sia potenziato il sistema dei controlli e delle ispezioni per evitare il ripetersi di questi fenomeni. La nuova dirigenza dell’Associazione nazionale Ivg ha intrapreso con fermezza la strada della trasparenza e dell’efficienza: rappresentiamo oltre 800 dipendenti, 75 istituti, siamo l’ausiliario di giustizia più importante d’Europa”.

Il nuovo istituto per le aste giudiziarie

L’istituto in questione, preposto in via generale all'esecuzione di vendita all'incanto di beni mobili disposta dalla autorità giudiziaria e di custodia dei beni mobili e di amministrazione giudiziaria di beni immobili, è il Consorzio Stabile Ivg Lecce soc. cons. a r.l.. Ha vinto il bando pubblicato sul bollettino del ministero il 31 luglio del 2017. Concorreva con una società con sede operativa a Palermo e Padova. E da giugno è diventata operativa.

Il Consorzio Ivg è guidato dalla Oxanet.it Spa, che da oltre sedici anni opera nel settore della pubblicità delle vendite giudiziarie per il Tribunale di Lecce ed è accreditata presso il ministero della Giustizia per tutte le Corti d’appello italiane, oltre ad essere iscritta al numero 11 del registro dei Gestori delle aste telematiche, tenuto presso lo stesso ministero.

La società è salentina ed è già stata coinvolta nei processi di efficientamento e innovazione del tribunale, specie per il settore delle esecuzioni e fallimenti. E’ stata la prima società in Italia a proporre un modello di vendita telematica immobiliare. Il progetto fu presentato durante il Seminario nazionale dei giudici dell’esecuzione che s’è tenuto nel settembre del 2009 a San Servolo (Venezia).

Il nuovo istituto ha sede nella zona industriale di Lecce, presso un  deposito di oltre 2mila e 500 metri quadrati coperti e 3mila scoperti. Qui sono ricoverati i beni mobili oggetto di esecuzione o avocati alla massa attiva dei fallimenti, o i corpi di reato, o sequestrati. A dirigere lo staff amministrativo, Ilenia Simonetta Antonica, professionista che opera nel settore fin dal 1997

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie, l'Associazione nazionale pronta a costituirsi parte civile

LeccePrima è in caricamento