menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vescovo Seccia in una foto di archivio.

Il vescovo Seccia in una foto di archivio.

Gli auguri dell'arcivescovo di Lecce: "La speranza viene da quella grotta"

In un video messaggio monsignor Michele Seccia ha voluto far sentire la sua vicinanza ai fedeli in questo Natale "ostaggio" della pandemia

LECCE – Per la verità già incline alla comunicazione a distanza – in un video, infatti, il suo saluto alla città di Lecce prima ancora che iniziasse la sua attività pastorale nel capoluogo –, l’arcivescovo Michele Seccia si è rivolto ai fedeli con un video per gli auguri di Natale.

Nella vita di tanti di noi – eccezion fatta, forse, per chi ha vissuto i tempi di guerra – questo periodo festivo rappresenta una parentesi inedita, non facile da vivere e da assimilare: da quasi un anno l’epidemia di Covid è protagonista di questo tempo e anche la Chiesa, forte di una tradizione millenaria, ha adeguato i suoi codici e le sue liturgie.

“La speranza non è una virtù aleatoria – ha spiegato Seccia -, non è speranza di cavarsela, è quella che attingiamo dal presepe di cartapesta, materiale fragile eppure denso di significato, quella che attingiamo da una grotta, abitazione approssimativa, così come viene descritta nel Vangelo di Luca. Non trovarono posto nell’albergo e là si rifugiarono e la Vergine diede alla luce il figlio che sarà l’Emmanuele, il Dio con noi. Bastano queste parole per farci gli auguri, perché quando sentiamo il Dio con noi, allora capiamo l’espressione a me molto più familiare il Verbo si è fatto carne. Non per essere filosofi, ma perché per noi il Verbo della nostra Vita è Dio, è Cristo, è lo Spirito Santo. E allora buon Natale. Vivete questo Natale in casa, sentirete forse solo la gioia che passa attraverso il filo del telefono.  È il tempo che viviamo ed era un tempo del genere quello in cui è nato Gesù, anche se si parla solo di censimento (nel Vangelo di Luca, Giuseppe e Maria lasciarono la Galilea per raggiungere Betlemme, in Giudea, dopo il censimento di Quirinio”.

Video: il messaggio dell'arcivescovo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento