Aumentano tamponi e contagi: sono 1.741 i nuovi positivi. Altri 16 deceduti

Processati oltre 9700 test e il tasso di infetti passa dal 16 al 17,9 per cento. In provincia di Lecce registrati 122 casi. Cifra tonda per i soggetti attivi in tutta la Puglia: sono 24 mila. Guariti altri 236. A Copertino istituto comprensivo chiuso

LECCE - Aumenta il numero dei tamponi processati in questo fine settimana e sale di quasi due punti percentuali anche il tasso di contagiosità nell'ambito dei dati diffusi nel report giornaliero in Puglia. Il presidente della Regione, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento promozione della salute, Vito Montanaro, ha reso noto che oggi sono stati effettuati 9.745 test per l'infezione da covid-19 e sono stati registrati esattamente 1.741 casi positivi, con un tasso del 17,9 per cento rispetto al 16 per cento registrato stabilmente negli ultimi due giorni.

In leggero aumento anche i casi di positività registrati in provincia di Lecce che sono oggi 122 a fronte del 113 di ieri e senza nessun decesso (16 invece le persone decedute negli altri territori, quattro in provincia di Bari, cinque nella provincia della Bat, cinque in provincia di Foggia, due in provincia di Taranto). Sono ben 1.284 in più i test effettuati nelle ultime ore rispetto a quelli della giornata di venerdì. E questi ultimi dati hanno fatto salire il numero degli attuali soggetti contagiati in Puglia sulla soglia delle 24 mila unità.

Dei nuovi 1.741 casi registrati, come detto, 113 sono riconducibili alla provincia di Lecce dove continuano ad essere monitorate le situazioni più critiche dei focolai in quel di Taurisano, l’aumento di casi a Galatina, Matino e Melendugno e le ripercussioni dei casi di positività tra Lecce (che complessivamente registra 175 positivi attivi con un incremento di + 63 negli ultimi sette giorni) e anche nell’ambito scolastico tra Sannicola, Campi Salentina, Squinzano, Corsano e Maglie.

Nelle ultime ore anche il sindaco di Copertino, Sandrina Schito, ha disposto l’ordinanza di chiusura, dal 16 al 20 novembre, delle due sedi dell'istituto comprensivo "San Giuseppe da Copertuno” in seguito alla positività accertata tra alcuni dipendenti scolastici. Già avviate le operazioni di tracciamento dei contatti e di sanificazione degli ambienti.       

Sotto controllo anche la situazione a Gallipoli dove il report settimanale della Asl conteggia già 35 casi di positività, compresi quelli di pazienti in ambito ospedaliero, mentre i dati in possesso del sindaco Minerva confermano un incremento sino a 28 casi tra cui un altro bambino in età scolastica. Insieme alla dirigente dell’istituto sono comunque già state attivate tutte le procedure consequenziali alla segnalazione.

Sono invece 584 i casi registrati nella provincia di Bari, 62 nella provincia di Brindisi, 179 nella Bat, 524 nella provincia di Foggia e 262 nella provincia di Taranto. Il numero delle persone guarite sul territorio regionale è di 8.560 secondo i dati riportati oggi dal bollettino, 236 in più rispetto al dato di ieri.

I casi attualmente attivi risalgono e come detto sono ad oggi in tutta la Puglia 24 mila. In isolamento domiciliare ci sono 22.533 persone, oltre il 93 per cento dei contagiati. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati complessivamente 649.236 test per accertare la positività o meno al coronavirus. I pazienti ricoverati nei reparti dedicati sono ad oggi 1.467 (oltre il 6 per cento), sessanta in più rispetto al dato di ieri. Di questi i ricoverati in terapia intensiva sono ora 178.   

Il totale dei casi positivi in Puglia confermati dall’inizio della fase emergenziale, e aggiornato con il dato degli ultimi due giorni, si attesa su 33.533 complessivi così suddivisi: 13.373 nella provincia di Bari; 3.612 nella provincia della Bat; 2.251 nella provincia di Brindisi; 7.920 nella provincia di Foggia; 2.478 nella provincia di Lecce; 3.647 nella provincia di Taranto. Sono 249 casi attribuiti a residenti fuori regione. Il totale dei decessi sale a 973. 

Qui il bollettino epidemiologico del 14 Novembre

Lecce calcio, confermati tamponi negativi per tre

Giungono notizie confortanti per il gruppo giallorosso del Lecce dopo i test molecolari effettuati a tutti i calciatori a disposizione di mister Corini in vista della gara di campionato di sabato 21 novembre contro la Reggiana. La società giallorossa ha infatti reso noto in questi giorni che l’intero gruppo squadra si è sottoposto ai test per accertare possibili contagi da coronavirus e l’esito è stato negativo. Dissipati anche i dubbi relativi al difensore Claud Adjapong, il cui tampone è risultato anch’esso negativo.

il calciatore rientrato in sede dal ritiro della nazionale Under 21, dopo l’esito indeterminato del test molecolare a cui si era sottoposto prima della partenza degli azzurri per l’Islanda già ieri è risultato nuovamente negativo al secondo tampone di controllo dopo quello eseguito giovedì. Il difensore italo-ghanese si è quindi potuto aggregare ai compagni di squadra.

I sei componenti del gruppo squadra (tre calciatori e tre componenti dello staff) risultati positivi al Covid 19, il 31 ottobre e il 2 novembre scorsi, e già in isolamento si sono sottoposti ad esame molecolare le cui risultanze hanno dato esito negativo per tre di loro, un calciatore e due componenti dello staff. Gli stessi hanno ripetuto oggi l’esame molecolare che ha confermato la negatività e pertanto da domani potranno rientrare in gruppo. Ancora positivo il risultato per due calciatori e indeterminato per un componente dello staff.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento