rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Visionati i filmati delle telecamere / Galatone

“Benvenuti ad Alcatraz”, scritte dei vandali sul muro del giardino comunale

Scritte contro la recinzione realizzata dall’amministrazione di Galatone per tutelare l’area verde e il parco di piazza San Pio. Il rammarico del sindaco Filoni: “Dissentire non significa imbrattare le opere pubbliche”

GALATONE - Lavori in corso nei pressi dell’area verde di piazza San Pio a Galatone dove da dicembre sono stati avviati gli interventi di valorizzazione e protezione del giardino pubblico con annesso un parco giochi inclusivo. Il primo passaggio dell’azione di riqualificazione ambientale e urbanistica ha riguardato la realizzazione di un muretto e di una recinzione per garantire maggiore sicurezza.

La delimitazione della zona verde è stata concepita secondo gli orientamenti annunciati dall’amministrazione comunale del sindaco Flavio Filoni per tutelare il parco giochi e il campetto polifunzionale dalle azioni dei vandali che purtroppo più volte hanno generato condizioni di degrado e danneggiamenti in quella zona aperta.

Tale azione non sembra però essere condivisa da qualcuno, forse dagli stessi responsabili delle scorribande e degli atti vandalici che generano condizioni di degrado in un luogo di svago e di incontro che appartiene a tutta la comunità galatea.

Sta di fatto che nelle scorse ore sul muretto di nuova edificazione è comparsa una scritta con vernice spray che ha avuto l’unico effetto di deturpare un’opera pubblica che si può o meno condividere, ma che è alquanto fuori luogo imbrattare senza alcun rispetto del senso civico e di appartenenza alla propria città. “Benvenuti a Alcatraz” recita la scritta comparsa sul muro, indicando chiaramente la contrarietà alle opere di recinzione dell’area comunale.   

Concetto e rammarico sono stati espressi dallo stesso primo cittadino, Flavio Filoni, che ha stigmatizzato questo ennesimo atto definito di semplice “inciviltà”. Così come era accaduto all’inizio di febbraio quando i vandali avevano sfondato la recinzione della pista di atletica dello stadio comunale e oltre ai danni avevano fatto sparire anche alcune attrezzature sportive a disposizione di tutti.              

“Sono fortemente rammaricato” ha commento il sindaco in merito alle scritte sul muro del giardino comunale di piazza Padre Pio, “si può condividere oppure no, un’opera pubblica che un’amministrazione nel corso del suo programma realizza. Ma arrivare a questi atti è davvero incomprensibile. Siamo stati in questi ultimi giorni fortemente attaccati da componenti politiche a noi avverse per la realizzazione di questa protezione di una area a verde su Piazza San Pio che vogliamo a tutti i costi valorizzare. Mi auguro che questo gesto avrà un nome perché sono al vaglio le immagini delle telecamere vicine” conclude Filoni, “ma mi auguro anche che questo gesto non sia la diretta conseguenza di chi vuole fare campagna elettorale, probabilmente, alimentando conseguenze che non fanno certamente onore alla nostra comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Benvenuti ad Alcatraz”, scritte dei vandali sul muro del giardino comunale

LeccePrima è in caricamento