menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei controlli di oggi.

Uno dei controlli di oggi.

Un mese di controlli in città, primo bilancio: sono 175 gli spostamenti non “idonei”

Tante le sanzioni elevate dalla polizia locale di Lecce, in poco più di trenta giorni. Il picco di spostamenti sabato 11 aprile. Cinque le sanzioni in giornata

LECCE – Dal 12 marzo al 13 aprile: un mese “intenso” non solo per lo sconvolgimento delle abitudini in ognuno di noi, ma anche per i controlli del territorio leccese ad opera della polizia locale. Il personale di viale Rossini ha tracciato un primo bilancio di questi ultimi, “indimenticabili” giorni. In poco più di un mese di verifiche, per accertare il rispetto della normativa nazionale e delle ordinanze regionali e comunali emanate per il contenimento del contagio da Covid-19, gli agenti hanno sottoposto a 5mila e 137 cittadini ed elevato 175 sanzioni per spostamenti ingiustificati. I picchi di "mobilità" sono stati raggiunti sabato 11, la vigilia. Quello delle sanzioni nel giorno successivo: quello di Pasqua. Ma la maggior quantità di persone in giro (chi per fare spese, per lavoro o motivi non idonei)  è stata fermata in ogni caso a ridosso dei vari week-end che si sono susseguiti. (Nel grafico accanto il dettaglio)CONTROLLI SPOSTAMENTI COVI-19-2

Sono state in tutto duemila e 744 le attività commerciali e produttive monitorate: il personale del comando di viale Rossini ha verificato l'applicazione della sospensione dell’esercizio laddove prevista e la garanzia del rispetto del distanziamento sociale imposto in caso di apertura al pubblico. Ventisei pattuglie hanno presidiato l’intero territorio leccese, litorali compresi. Con tre ufficiali di coordinamento, le pattuglie hanno garantito un controllo per tutte le 24 ore.

Con l'attivazione del Centro operativo comunale si è messa in moto anche la macchina dell'assistenza alla popolazione, affidata alla protezione civile: solidarietà rivolta soprattutto a persone anziane prive di una rete familiare e ai cittadini in quarantena fiduciaria o obbligatoria. I volontari delle varie associazioni hanno risposto a mille e 635 chiamate: 753 sono state le richieste di informazione, in 807 casi hanno provveduto alla consegna domiciliare di farmaci e in 342 di generi alimentari o di prima necessità.

Solo nella giornata di oggi in città

Solo nella giornata di oggi, la polizia locale leccese ha acquisito 166 autocertificazioni, di cui cinque non valide: una coppia leccese diretta a Frigole a fare la spesa, un uomo diretto a un centro commerciale, una ragazza che accompagnava un'amica dall'ottico e una donna che non era in grado di fornire una plausibile motivazione alla spostamento. Le attività commerciali controllate sono state 33, senza riscontrare irregolarità. Sempre in giornata, sono state registrate 227 chiamate al Coc di via Giurgola: in 90 hanno richiesto dei farmaci, 35 dei generi alimentari e 102 per ottenete informazioni in generale. In totale, sono stati 50 i pacchi contenenti generi di prima necessità consegnati ad altrettante famiglie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento