menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si riducono i nuovi casi, resta alto il dato dei guariti: l'ondata si attenua

Gli esiti positivi sono un decimo dei tamponi molecolari registrati. Notevole il numero dei decessi, pari a 54, ma va riferito a più giorni. Sulla scuola Lopalco chiede di rinunciare a "guerre di religione"

LECCE – Su 10.163 test sono 1.023 quelli risultati positivi. Dal bollettino Covid odierno emerge un rapporto del 10 percento, appena superiore alla media nazionale, pari al 9,1 percento. Rispetto ai nuovi casi testati - indicatore più attendibile - la percentuale pugliese è , però,inferiore a quella italiana, perché pari al 18,4 percento a fronte del 23,7 percento.

I decessi sono stati 54 ma nel computo ci sono dati riferiti a più giorni tanto che, precisa la nota regionale, l’andamento del periodo non ha subito variazioni. Il dato dei ricoverati è ancora diminuito, passando da 1.1735 a 1.717 (in calo anche il numero di pazienti in terapia intensiva, da 194 a 187 con 34 nuovi ingressi nei reparti), mentre l’incremento del numero dei guariti è stato di 726 unità. Il numero degli attuali positivi in Puglia è di 52.275, di cui 50.558 in isolamento a domicilio.

Leggi il bollettino del 15 dicembre

Per quanto riguarda il dettaglio provinciale dei nuovi casi, 367 sono riferiti alla provincia di Bari, 122 alla provincia di Brindisi, 104 alla Bat, 145 al Foggiano, 146 alla provincia di Lecce, 129 al Tarantino. A questi si aggiungono i tamponi positivi di 8 residenti fuori regione e 2 casi di residenza non nota.

Nodo scuola dopo l'Epifania

L’assessore alle Politiche della Salute, l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, è tornato sul tema della scuola, che ha il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ingaggiare una sorta di crociata contro la Puglia quando il governo regionale aveva deciso con ordinanza di sospendere le lezioni in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

In un post, richiamando un contributo apparso sulla prestigiosa rivista scientifica di medicina The Lancet, Lopalco ha chiesto di smetterla con le guerre di religione: “Affermare tout-court che la scuola è sicura è un atteggiamento tanto stupido quanto stupido è attribuire alla chiusura delle scuole un ruolo salvifico. Le evidenze che possano supportare questa o quella tesi sono comunque deboli, per vari motivi: incompletezza dei dati (nei sistemi di sorveglianza il dato del luogo dove è avvenuto il contagio è largamente assente); enorme quota di infezioni asintomatiche nei soggetti in età scolare; impossibilità a scorporare il ruolo della chiusura delle scuole dalle altre misure di prevenzione e controllo”.

L’esponente del governo regionale rilancia la posizione maturata dopo che un decreto del presidente del consiglio dei ministri aveva superato la prima ordinanza pugliese: in seconda battuta la scelta è stata quella di lasciare ai genitori la facoltà di mandare i figli a scuola – elementare e media – mentre per le superiori vige comunque fino al termine delle festività il divieto di didattica in presenza.

La sensazione è che anche per il periodo successivo all’Epifania, la Regione voglia spingere sul governo nazionale per rimanere nel solco attuale: “Cerchiamo dunque di seguire il principio di precauzione, almeno per il picco invernale. Inutile discutere sulla sicurezza delle procedure applicate in ambiente scolastico. Inutile attribuire la responsabilità all'affollamento dei trasporti. Quello che importa è la valutazione dell'impatto sulla dinamica del contagio della ripresa della scuola al 100 percento in presenza.  L'approccio prudenziale della nostra regione che mira a limitare (non escludere) la didattica in presenza credo sia un buon compromesso. Affollare nuovamente le classi solo per far fede ad una presa di posizione ideologica non mi sembra una buona idea”.

Chiusi due plessi nel basso Salento

E da Collepasso arriva la notizia della chiusura fino al 22 dicembre (dunque fino a gennaio) della scuola d’infanzia, dopo il verificarsi di una positività tra i docenti e di quella primaria, che è comunicante. Ne ha dato notizia il sindaco, Paolo Menozzi, disponendo le opportune operazioni di sanificazione degli ambienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid nel Salento: incidenza di nuovi casi in chiara ascesa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento