rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Bollettino del 16 dicembre

Pazienti Covid: aumenta il carico dei ricoverati in terapia intensiva

Occupato circa il 6 percento del totale dei posti letto disponibili, superata la soglia del 10 si avvicina il passaggio in zona gialla. Controlli per green pass e mascherine: 11 sanzioni e una chiusura temporanea. Quasi tremila bimbi vaccinati

LECCE - Altri 596 positivi al Sars Cov 2 confermati  in Puglia, di cui 111 in provincia di Lecce, con una incidenza di nuovi casi per 100mila abitanti pari rispettivamente a 79 e 77 su base settimanale (qui il bollettino odierno).

Questo parametro, già da un po', ha superato la prima soglia prevista (50), ma il carico di pazenti Covid sul sistema ospedaliero è ancora tale da scongiurare un imminente passaggio in zona gialla: per l'area non critica, dove oggi si contano 126 ricoverati, il livello attuale è pari a circa il 4 percento dei posti disponibili (lmite fissato al 15), mentre in terapia intensiva, con 27 degenti, il tasso di occupazione è vicino al 6 percento (limite fissato al 10). Due sono stati i decessi registrati, 335 le dichiarazioni di guarigione, per un totale di casi attuali censiti pari a 6.114.

Controlli: aumentano le sanzioni

Si registra un incremento anche in tema di sanzioni per il mancato rispetto della normativa su green pass e uso delle mascherine: secondo il rendiconto della prefettura, riferito ai controlli effettuati ieri su tutto il territorio, 5 su 589 sono stati i cittadini sanzionati per irregolarità relative al green pass e due per mancato uso del dispositivo di protezione delle vie aeree. Verifiche anche in 74 tra attività ed esercizi pubblici, con 4 titolari multati e un provvedimenti di chiusura temporanea.

Buona la prima dose per 3mila bambini

C’è stata una buona e confortante adesione delle famiglie pugliesi alla campagna pediatrica vaccinale contro il covid. Nella prima giornata di somministrazione sono stati circa 3mila i bambini fra i 5 e gli 11 anni in Puglia hanno ricevuto la prima dose. In tutta la regione sono stati attivati percorsi vaccinali nei centri di cura e negli ospedali per accogliere i bambini fragili, dall’altro le scuole, da questo pomeriggio, sono diventate hub per assicurare le somministrazioni ai più piccoli in un ambiente familiare e accogliente. E sono al lavoro anche i pediatri di libera scelta che possono vaccinare nei loro studi.

La campagna vaccinale dei bambini ha preso il via anche nelle scuole della provincia di Lecce. Si è iniziato con circa mille bambini di 16 istituti comprensivi. Nel pomeriggio il direttore generale Rodolfo Rollo, e l’assessore regionale Sebastiano Leo, hanno salutato operatori, bambini e famiglie nelle sedute vaccinali dell'istituto comprensivo “Stomeo Zimbalo” di Lecce e in un altro istituto della provincia.

“I bambini e le bambine ci stanno dimostrando con determinazione e coraggio che per sconfiggere questo virus subdolo c’è bisogno del contributo e del buon senso di tutti. Ne usciremo solo se uniti e i nostri piccoli alunni ci consegnano oggi un messaggio di speranza e futuro, grazie a loro e alle famiglie” ha dichiarato Rollo.

I bambini tra i 5 e gli 11 anni con fragilità, disabilità o con malattia rara verranno vaccinati nei reparti di Pediatria dei presidi ospedalieri della provincia.

Il pediatra di libera scelta invia la richiesta di vaccinazione protetta all'ospedale di riferimento o comunque più prossimo al Comune di residenza del bambino. Gli ospedali, quelli di Galatina, Gallipoli, Scorrano e il “Vito Fazzi” di Lecce, provvedono a contattare direttamente la famiglia per comunicare l'appuntamento della vaccinazione.

Prosegue intanto la campagna per le altre fasce tra hub, centri sanitari, farmacie e a cura dei medici di medicina generale. Nella giornata di ieri sono state 7.458 le vaccinazioni effettuate: 397 prime dosi, 724 seconde dosi e 6.337 terze dosi.

Vaccinazione: il contributo di Poste Italiane

Sul fronte della campagna vaccinale, Poste Italiane ha comunicato di aver distribuito sul territorio della provincia di Lecce 385.700 dosi attraverso l'impiego di 34 mezzi SDA, il corriere del gruppo che ha gestito anche il sistema di prenotazione della somministrazione in otto regioni, per un totale di circa 32 milioni di cittadini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pazienti Covid: aumenta il carico dei ricoverati in terapia intensiva

LeccePrima è in caricamento