menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sito ex Aspica in una foto di repertorio del 2015

Il sito ex Aspica in una foto di repertorio del 2015

Bonifica e messa in sicurezza del sito ex Aspica, al via la gara d'appalto

Grazie ai fondi già stanziati dalla Regione partirà a breve la prima fase d’intervento nell’area dell’ex impianto dei rifiuti della zona industriale. Si valuteranno possibili livelli di contaminazione del suolo

LECCE - Dopo aver accumulato gli stanziamenti necessari per proceder alla prima fase degli intereventi, entra nel vivo il progetto di bonifica e messa in sicurezza permanente del sito ex Aspica, nella zona industriale di Lecce.

Il Comune ha reso noto che è stata anche indetta la gara d’appalto per la realizzazione del programma, suddiviso in due lotti di intervento, e per una spesa complessiva preventivata di 3 milioni e 780 mila euro coperta, per le opere del primo lotto, con i fondi specifici messi a disposizione dalla Regione. Il bando di gara è disponibile sul sito istituzionale del Comune. Le offerte dovranno pervenire al sistema telematico “Tutto Gare”, seguendo la procedura, entro 12 del prossimo 25 novembre. Dopodiché si potrà dare avvio alla prima fase dei lavori, quella al momento economicamente coperta dai finanziamenti regionali.    

L'appalto in questione riguarda il capannone industriale gestito dalla società Aspica Recycling, attualmente in stato di liquidazione, che si trova in viale Gran Bretagna, nella zona industriale. L'area ospitava un tempo l’impianto destinato alle attività di selezione e messa in riserva di rifiuti non pericolosi. Da quando l’impianto è stato poi dismesso versa ormai da anni in stato di assoluto abbandono e presenta una grande quantità di rifiuti urbani (principalmente imballaggi di varia natura, metalli, carta e cartone), nonché i residui della combustione di un incendio verificatosi nel 2015. Da tempo dunque si avvertiva la necessità di pianificare un intervento risanamento ambientale e di tutela della salute pubblica, che a breve sarà realtà.    

Tutte le attività previste dal bando di gara riguardano infatti servizi di rimozione e trasporto dei rifiuti, finalizzate allo smaltimento degli stessi, oltre a un'attività preliminare di indagine al termine della rimozione del materiale al fine di determinare eventuali superamenti delle concentrazioni della soglia di contaminazione del suolo.

“Grazie al finanziamento della Regione” spiega l'assessore all'Ambiente, Angela Valli, “possiamo finalmente avviare un'opera di risanamento fondamentale per la nostra città. Quel sito infatti, che abbiamo attenzionato sin dal nostro insediamento, rappresenta un'annosa emergenza che subiamo da molti anni e che ci accingiamo a risolvere. Per il momento, con le risorse a disposizione, riusciamo ad intervenire sul primo lotto, ma sono fiduciosa circa la possibilità di ottenere un ulteriore finanziamento attraverso il quale procedere al trattamento dell'intera area”.

Sono due, come detto, i lotti previsti a cui i concorrenti hanno l'obbligo di partecipare. Il primo lotto prevede le attività relative al recupero de rifiuti e alla prima bonifica da realizzare in tre aree specifiche del sito per un importo pari a circa 1 milione 52 mila euro. Importo totalmente finanziato dalla Regione Puglia che, attualmente, ha proceduto già a garantire un finanziamento totale di circa 1 milione 706 mila euro.

Il secondo lotto, in futuro, interesserà cinque aree con interventi per un importo pari a circa 2 milioni 263 mila euro, e sarà affidato allo stesso aggiudicatario del primo lotto. L’avvio dei lavori in questo caso ed è subordinato alla eventuale concessione del finanziamento sempre da parte della Regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento