Calcinacci giù dall’ex Salesiani. Nessuna conseguenza, parte messa in sicurezza

Caduti pezzi lesionati di un cornicione all’altezza della sede del Centro per l’impiego. Dopo l’intervento dei vigili del fuoco e il transennamento della zona avviate le opere di risanamento

GALLIPOLI - Una pioggia di calcinacci sono venuti giù, già da ieri mattina, dal cornicione dell’imponente edificio dell’ex Villaggio del Fanciullo di lungomare Galilei, da tempo inserito nel piano delle alienazioni e  messo in vendita dal Comune, ma ancora senza fortuna, e da oggi sono già partite le opere di messa in sicurezza. A causa della mancata manutenzione straordinaria dell’immobile si sono pericolosamente staccati parti del cornicione superiore e detriti e calcinacci sono piombati anche nelle immediate vicinanze dell’ingresso dei locali che ospitano ancora la sede del Centro per l’impiego di Gallipoli. Fortunatamente non si sono registrate conseguenze gravi.

Era già accaduto nel recente passato che pezzi di muratura lesionati e ammalorati cadessero sul marciapiede sottostante. Anche allora, come ieri mattina, pronto l’intervento di una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento locale che con l’ausilio di un autogrù hanno provveduto a mettere rapidamente in sicurezza la zona. Puntellati i cornicioni e transennata l’intera area prospiciente l’edificio in attesa del lavori di messa in sicurezza. Lavori che l’amministrazione comunale ha subito affidato ad una ditta edile che ha già avviato i primi interventi di risanamento.                      

Onde evitare ulteriori pericoli per il personale e gli utenti già da ieri è stata disposta la chiusura temporanea dell’ufficio del Centro per l’impiego, smistando le eventuali richieste presso le sedi limitrofe di Nardò e Casarano. Un disagio che dovrebbe esser comunque limitato come assicurano anche dal Comune gallipolino. “In seguito a quanto accaduto ieri mattina relativamente al cedimento di qualche calcinaccio della struttura che ospita il Centro per l’impiego” spiega il sindaco Stefano Minerva, “intendo assicurare che l’amministrazione è già al lavoro per risolvere la questione. Infatti già ieri ho incontrato personalmente il direttore del Centro per l’impiego di Gallipoli, Silvio Astore, insieme all’architetto Mauro Bolognese e al geometra Luigi Guido, responsabili dell’ufficio tecnico comunale. È stato concordato immediatamente un sopralluogo con i tecnici comunali che, intervenuti sul posto, hanno assicurato che entro le prossime 48 ore l’edificio sarà messo in sicurezza. Questo vuol dire che i funzionari potranno tornare tranquillamente in servizio secondo orari ordinari. Inoltre” conclude Minerva, “non è mancata da parte del sottoscritto la disponibilità di trasferire temporaneamente gli uffici nei locali di cui dispone il Comune di Gallipoli, ma comunque i lavori sono già stati avviati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento