Rsa: negativi i tamponi agli operatori in contatto con un paziente positivo

La comunicazione arriva dal Comune di Campi Salentina. L'anziano, di Trepuzzi, è attualmente ricoverato al "Vito Fazzi" di Lecce

LECCE – Sono risultati negativi i tamponi effettuati agli operatori e al personale della residenza socio assistenziale San Raffaele di Campi Salentina, entrati in contatto con un anziano paziente risultato positivo al Covid-19. A darne comunicazione, questa mattina, direttamente il Comune di Campi Salentina.

“Tutti gli interessati sottoposti al test diagnostico del tampone hanno avuto un risultato negativo che scongiura quindi, fortunatamente, la presenza di altri contagi e dimostra, ancora una volta, la gestione attenta e rigorosa della struttura da parte dei dirigenti e del personale del San Raffaele”, dicono dal Comune del nord Salento, precisando anche che “le procedure di controllo e le misure di prevenzione continueranno ad essere mantenute anche nei prossimi giorni al fine di garantire la sicurezza di tutti”.

La notizia circa l’infezione si era diffusa ieri e lo stesso Comune di Campi Salentina, attraverso i propri canali ufficiali, aveva fornito conferma, spiegando che erano in corso i test proprio per verificare la presenza di eventuali altri casi nella struttura. Circa il paziente in questione, si tratta di un anziano originario di Trepuzzi. Il tampone era eseguito il 2 agosto presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove attualmente l’uomo è ricoverato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il paziente di origini trepuzzine, era risultato negativo al momento dell’ingresso in struttura – ha spiegato il Comune di Trepuzzi, in un suo posto - durante le attività di screening previste dalle procedure di accesso” e cogliendo l’occasione per ribadire le buone pratiche che il momento impone: “Rispettare le distanze interpersonali di sicurezza, indossare nei luoghi pubblici le mascherine, lavare spesso le mani e sensibilizzare tutti sull’utilizzo dell’app Immuni, certamente molto più utile nella mappatura dei contatti, rispetto alle sommarie informazioni che circolano tra social e chat private”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento