Attualità

Campo di Boncuri ripate dal 15 giugno. Nuovo progetto per sicurezza e collegamenti

Dopo il tavolo istituzionale con la prefettura si prepara l’accoglienza dei braccianti. Dal ministero 500 mila euro al Comune per sistemare pavimentazione, strade, illuminazione e pista ciclabile

NARDO’ – Dopo aver garantito, nel tavolo istituzionale con la prefettura, l’installazione dei prefabbricati in tempi rapidi, in modo da aprire il campo di Boncuri già dal prossimo 15 di giugno, il Comune di Nardò si pone l’obiettivo di rendere il centro di accoglienza per i lavoratori stagionali immigrati una struttura raggiungibile in totale sicurezza e ancora più vivibile.

Il ministero dell’Interno, infatti, ha finanziato con 500 mila euro un progetto messo a punto dall’ufficio tecnico comunale per l’ulteriore infrastrutturazione dell’area. Il prefetto Maria Rosa Trio, ha anticipato la notizia durante il tavolo provinciale permanente in materia di lavoro stagionale in agricoltura, che si è tenuto ieri e nel corso del quale la struttura neretina  è stata considerata una “best practice” a livello nazionale. 

Proprio dalla prefettura è stato spiegato che la richiesta presentata dal Comune di Nardò è stata valutata positivamente nell’ambito delle azioni di supporto tese a migliorare vivibilità e sicurezza del campo di accoglienza dei braccianti.  Un finanziamento che è un nuovo step nel percorso di accoglienza dopo la svolta radicale del 2017 quando, con i fondi della Regione Puglia, è stata messa la parola fine alla lunga fase del ghetto e dell’emergenza, che aveva proiettato ovunque un’immagine negativa della città e del territorio.

Il progetto prevede la realizzazione della pavimentazione interna del campo, che metterà fine ai disagi della polvere e delle pozzanghere che si creano nei pressi dei moduli abitativi. Verranno realizzati poi i marciapiedi e i parcheggi nella zona antistante il campo e verranno illuminate via Vittime di Acca Larentia, la traversa che porta a via Grilz, la stessa via Grilz e un tratto di via Mangani.

Il manto stradale della traversa tra via Vittime di Acca Larentia e via Grilz verrà rifatto, in maniera da renderle sicure e fruibili da parte dei lavoratori stagionali che occupano il campo di accoglienza. Una novità ancora più importante è rappresentata dalla creazione di una corsia ciclabile (bike lane) su via Mangani che permetterà ai lavoratori stagionali di potersi spostare dal centro di accoglienza verso il centro abitato finalmente in sicurezza.

“In cinque anni abbiamo compiuto la rivoluzione dell’accoglienza” spiega il sindaco Pippi Mellone “dalle tende, dal ghetto, dalla speculazione e dallo scenario indegno di qualche anno fa siamo passati a una soluzione che non ha precedenti nelle vicende dell’accoglienza in questa città. Un campo attrezzato che con questo finanziamento migliorerà definitivamente. Quel cammino che abbiamo inaugurato nel 2016, quella svolta nelle politiche di solidarietà e dignità sociale per Nardò e per la Puglia, conoscono quindi un ulteriore momento decisivo. Un nuovo punto di arrivo, fondamentale per la dignità di centinaia di lavoratori migranti”.

Il tavolo con la prefettura  

Si è svolto  ieri in web conference, il tavolo provinciale permanente in materia di lavoro stagionale in agricoltura nel territorio di Nardò e comuni vicini. Assieme al prefetto Maria Rosa Trio, al viceprefetto vicario Guido Aprea e al capo di gabinetto della Prefettura Beatrice Mariano, hanno partecipato i rappresentanti istituzionali (Comune di Nardò, Regione, Provincia, Inps, Centri per l’impiego, Spesal, Ispettorato del lavoro), datoriali (Confagricoltura, Cia, Coldiretti, Copagri) e delle organizzazioni sindacali (Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil, Uci) per organizzare l’accoglienza dei braccianti stagionali, nella maggior parte dei casi stranieri, che confluiscono nel Salento per la raccolta ortofrutticola.

La Regione ha affidato per il secondo anno consecutivo la gestione del campo di accoglienza di Boncuri, con 150 posti, alla Croce Rossa Italiana. “Una soluzione che ci tranquillizza vista la buona gestione riscontrata lo scorso anno”, affremano  Gianluigi Visconti, Monica Accogli e Mauro Fioretti, segretari generali provinciali di Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil.

“Ribadiamo la necessità di passare dal concetto di accoglienza a quello di integrazione, attraverso la piena attuazione del progetto di albergo diffuso, di cui si parla da anni” concludono i rappresentanti sindacali, “oltretutto è un progetto sostenuto da un bando dell’Ente Bilaterale Cassa Amica, che riconosce un contributo economico ai braccianti che prendono in affitto una casa con regolare contratto. Per le nostre organizzazioni sindacali, per sconfiggere in maniera definitiva il caporalato, resta fondamentale risolvere due problemi: mercato del lavoro e trasporti”.

Il Comune di Nardò ha garantito l’installazione dei prefabbricati in tempi rapidi, in modo da aprire il campo di Boncuri già il 15 giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campo di Boncuri ripate dal 15 giugno. Nuovo progetto per sicurezza e collegamenti

LeccePrima è in caricamento