rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Lavori sino al 30 giugno

Cantieri e viabilità “ingolfata”, Minerva scrive ad Anas: “Lavori da riprogrammare”

Il presidente della Provincia ha raccolto il malcontento di diversi amministratori ed ha indirizzato una missiva ai referenti della ente stradale per chiedere una valutazione della situazione della cantieristica provinciale alla luce dell’avvio della stagione estiva

LECCE - Lavori improrogabili e che vanno avanti da mesi sulle princpali arterie a scorrimento veloce della provincia di Lecce per i cantieri dell’Anas e disagi continui per automobilisti e turisti in arrivo nelle località di vacanza. Il crono-programma degli interventi stilato dall’Azienda di assistenza stradale prevede uno stop non prima del 30 giugno prossimo. I cantieri principali sono quelli che riguardano la sostituzione delle barriere dello spartitraffico centrale sulle strade statali.

Ma sulla questione proprio oggi il presidente  dell’ente provinciale, Stefano Minerva, ha inteso scrivere direttamente ad Anas, e in particolare all’ingegnere Nicola Marzi, della struttura territoriale della Puglia.

“Credo che si necessaria un’immediata valutazione della situazione della cantieristica provinciale, con la finalità che possano essere riprogrammati alcuni lavori, garantita la più efficace segnaletica di sicurezza e contestualmente avviato un piano di gestione complessivo della viabilità estiva per consentire condizioni di percorrenza idonee alla crescente domanda di trasporto sia turistico che pendolare” ha scritto nella sua nota il presidente della Provincia.

Nodo della questione, come detto, sono i disagi alla viabilità stradale del territorio salentino causati dai cantieri. “Continuano a pervenire a questa amministrazione molte segnalazioni, che negli ultimi giorni sono diventate una generale mobilitazione dell’intero territorio, relative ai disagi alla circolazione causati dai cantieri aperti sulla rete principale di viabilità statale dell’intera provincia”, scrive Minerva, “non vi è alcun dubbio sulla necessità e urgenza della realizzazione degli interventi garantiti da ingenti finanziamenti dello Stato. Le opere vanno certamente inquadrate sia in un contesto di sicurezza delle arterie interessate, che in un più generale obiettivo di consentire pari opportunità di mobilità e conseguentemente anche di crescita sociale, economica e culturale”.

“Ma nel contempo” eccepisce il presidente dell’ente di Palazzo dei Celestini, “non posso non rappresentare l’avvio della stagione estiva che, fortunatamente, vede ancora una volta il Salento tra le mete preferite del turismo mondiale ed ha già notevolmente incrementato i flussi di traffico verso le principali località turistiche. L’auspicio dunque è quello che Anas possa prendere atto della richiesta che ha sia carattere politico, che sociale ed economico. Lo chiede con fermezza l’intero territorio salentino supportato da tutte le municipalità”.

Statale-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri e viabilità “ingolfata”, Minerva scrive ad Anas: “Lavori da riprogrammare”

LeccePrima è in caricamento