menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il castello di Corigliano d'Otranto.

Il castello di Corigliano d'Otranto.

Capitale Italiana della Cultura 2021: in corsa anche la Grecìa Salentina

Il Mibcat ha comunicato le 44 manifestazioni d'interesse: ora due mesi per preparare il dossier. L'iter di selezione si concluderà il 10 giugno

CALIMERA - Tra le 44 candidature per diventare la "Capitale Italiana della Cultura 2021" c'è anche quella dell'Unione dei Comuni della Grecìa Salentina.

Dopo che il riconoscimento è stato conferito a Lecce nel 2015 - insieme a Cagliari, Perugia, Ravenna e Siena, tutte superate da Matera nella corsa a diventare "Capitale Europea della Cultura 2019" - un altro pezzo del Tacco spera di centrare un obiettivo che darebbe prestigio e visibilità oltre a una dotazione di un milione di euro per la realizzazione del progamma. Dell'unione fanno parte i comuni ellenofoni di Calimera (sede), Castrignano de' Greci, Martano, Corigliano d'Otranto, Martignano, Melpignano, Sternatia, Zollino e Soleto più i centri non ellenofoni di Sogliano Cavour, Cutrofiano e Carpignano Salentino.

La manifestazioni di interesse sono state rese note dal ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo presso il quale si insedierà una commissione formata da sette esperti che dovrà esaminare i dossier inviati entro il 2 marzo. Dieci progetti verranno selezionati alla fine di aprile, mentre la scelta finale ricadrà sulla candidatura che avrà riscosso maggiore consenso in sede di audizione. Il termine dell'iter di selezione è previsto per il 10 giugno.

Dalla Puglia sono state avanzate anche le candidature di Bari, Taranto, Molfetta, Barletta, San Severo e Trani. Nell'anno che è appena avviato, intanto, è Parma la città scelta come capitale italiana della cultura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento