“Caserme aperte” per la festa delle forze armate. Visite alla Scuola di Cavalleria

Lunedì porte aperte al pubblico alla caserma Zappalà per visitare la sala storica e il parco mezzi dell’esercito. Altre tre giornate previste per metà novembre

LECCE - Torna in concomitanza con la celebrazione della giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate di lunedì, 4 novembre, anche l’iniziativa “Caserme Aperte” attraverso la quale l’esercito ape al pubblico, in quel di Lecce, la storica sede del comando della Scuola di Cavalleria, la Caserma “Zappalà” (già Trizio). Un’iniziativa molto apprezzata quella del porte aperte del caserme militari che portano ad avvicinare sempre più i cittadini, e soprattutto i più giovani, alla conoscenza dei luoghi, dell'oganizzazione e delle dotazioni delle forze armate. Lunedì la caserma Zappalà sarà visitabile dalle 9 alle 16, e per l’occasione si potrà accedere dall’ingresso d’onore di via Massaglia, che consente l’accesso diretto alla sala storica delle Cavallerie e al parco mezzi.

La Scuola di Cavalleria è un istituto di “specializzazione” dove viene formato il personale militare dell’esercito appartenente a ogni categoria assegnato alle specialità dell’Arma di Cavalleria: ufficiali, sottufficiali, graduati e militari di truppa. Il perfezionamento professionale è condotto alternando attività con avanzati sistemi di simulazione, sessioni di studio nelle moderne aule dei dipartimenti, attività live nelle diverse aree addestrative di Torre Veneri e presso il Centro ippico militare “Federico Caprilli”, in località Fondone. Oltre alla formazione, la scuola militare sviluppa la dottrina d'impiego della Cavalleria in ottemperanza ai compiti che lo Stato Maggiore dell’Esercito assegna all'arma in linea con i continui progressi tecnologici e mutamenti degli scenari della sicurezza e minaccia delle libere istituzioni.

Ad accogliere anche questa volta i cittadini che aderiranno all’iniziativa, ci saranno gli istruttori del Reggimento Addestrativo e gli esperti di storia militare dell’istituto che guideranno i visitatori in un suggestivo percorso di storia, tradizioni e innovazione tecnologica. Da non perdere, a metà mattina, presso il monumento dei caduti di Piazza d’Italia nelle vicinanze di Porta San Biagio, anche la tradizionale cerimonia dell’alzabandiera e la deposizione della corona d’alloro alla presenza delle massime autorità provinciali.

L’iniziativa delle “Caserme Aperte” verrà replicata, con le stesse modalità,  anche nelle giornate del 13, 14 e 15 novembre prossimi, nell’ambito del 2° Festival della “Public History”, la manifestazione che ha ottenuto l’alto patronato della presidenza della Repubblica e organizzata dal Centro studi relazioni atlantico mediterranee, d’intesa con la prefettura di Lecce e i componenti del Comitato per la valorizzazione della cultura della Repubblica.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento