menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto: la segretaria Uiltec Lecce, Fabiana Signore

In foto: la segretaria Uiltec Lecce, Fabiana Signore

“In cassa per Covid ma costretti a lavorare”: la dura denuncia di Uiltec

La segretaria Signore parla di un fenomeno diffuso nel comparto tessile e calzaturiero: "I dipendenti, sotto ricatto, hanno paura di perdere il posto di lavoro e non denunciano alle autorità ma chiedono aiuto ai sindacati"

LECCE – In cassa integrazione, sulla carta, ma sul posto di lavoro in realtà. Non sono pochi i casi del genere segnalati alla segreteria di Uiltec Lecce e che riguardano il comparto tessile e calzaturiero salentino. Così il sindacato ha deciso di denunciare quello che definisce “un fenomeno sempre più diffuso”.

La segretaria Fabiana Signore segnala situazioni in cui i dipendenti, pur usufruendo degli ammortizzatori sociali per covid-19, sarebbero stati “costretti” dalle società a “lavorare comunque a pieno regime”: “Un malcostume perpetrato ai danni dello Stato che bisogna fermare subito”. “Ho raccolto personalmente – racconta Signore - diverse testimonianze di lavoratori sotto ricatto, cioè costretti a lavorare esattamente quanto lavoravano prima, se non di più, con la beffa di non poter nemmeno ricevere lo stipendio intero. È una situazione che fatica ad emergere, perché i lavoratori hanno paura di perdere il posto di lavoro e non denunciano alle autorità, ma chiedono aiuto a noi sindacati”.

“Potete immaginare cosa significhi rifiutarsi di andare a lavoro o svolgere delle mansioni dopo la richiesta diretta di un superiore. Ma in questo modo l’azienda sta utilizzando i soldi pubblici per pagare i dipendenti, il che equivale a una frode allo Stato che alla fine danneggia non solo i lavoratori, ma anche gli imprenditori onesti che retribuiscono correttamente il personale e che per fortuna sono la stragrande maggioranza”, prosegue la sindacalista.

Signore sottolinea che questo tipo di situazioni si stanno verificando in alcune aziende del tessile e calzaturiero dove i sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil) non sono presenti. “Dico questo – chiarisce - perché noi non consentiamo comportamenti scorretti da parte delle aziende, ma sappiamo che è un malcostume che si sta verificando in diverse realtà aziendali dove manca la rappresentatività sindacale o ci sono organizzazioni più piccole, che adoperano contratti che non tutelano adeguatamente il lavoratore”.

“Per questo – prosegue - come Uiltec provinciale chiediamo che si intervenga, non solo rafforzando le ispezioni sui luoghi di lavoro, ma anche i controlli incrociati, che guardino ai fatturati delle aziende che fanno richiesta della cassa Covid. Parliamo di uno strumento importantissimo, che ha evitato migliaia di licenziamenti – conclude - e che deve continuare a essere erogato a quelle aziende che effettivamente hanno subìto e continuano a subìre una riduzione del fatturato, non ai furbetti”.

Dal canto suo, il presidente della Sezione tessile abbigliamento calzaturiero di Confindustria Lecce, Michele Zonno, precisa che l'associazione non è a conoscenza di episodii relativo a propri iscritti quali quelli segnalati. In ogni caso, stigmatizza eventuali comportamenti illegali e concorda pienamente con la segretaria generale Fabiana Signore sulla necessità di vigilare a tutela delle imprese sane del territorio. Invita, pertanto, a segnalare in maniera circostanziata eventuali episodi di cui è venuta a conoscenza, al fine da un lato, di consentire i controlli del caso da parte delle autorità competenti e dall'altro, di evitare che denunce generalizzate possano danneggiare l'immagine delle tante imprese del settore che operano nella legalità.

 “Confindustria Lecce – afferma Zonno - promuove il corretto utilizzo degli strumenti ed incentivi previsti dalle norme e difende le imprese che operano nel rispetto delle regole. Fenomeni come quelli ipotizzati dalla Uiltec sono da condannare senza se e senza ma, perché contrari alla legge. Tali episodi arrecano danno al sano regime concorrenziale vigente tra le imprese e rischiano di ledere, dopo anni di investimenti e sforzi, l'immagine di un territorio nel quale operano migliaia di dipendenti e tanti colleghi imprenditori, che, a dispetto delle difficoltà dei mercati, sono impegnati quotidianamente a lottare per superare l'eccezionale fase di crisi pandemica ed economica globale e a consolidare la propria posizione competitiva rispetto ad altri distretti produttivi nei confronti della Clientela nazionale ed internazionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento