Sabato, 20 Luglio 2024
Attualità Campi Salentina

Rsa, continua la protesta dei lavoratori: “oltre alla minaccia di licenziamento, stipendi pagati in parte”

A distanza di mesi, per molti dei dipendenti della “San Raffaele” di Campi Salentina ancora incertezze sulle sorti professionali. La Cisl di Lecce: "Vergognoso che il datore di lavoro ad oggi abbia unilateralmente deciso di anticipare soltanto il 30 per cento dello stipendio maturato’

CAMPI SALENTINA - Continua la protesta dei lavoratori davanti alla Residenza sanitaria assistenziale “San Raffaele” di Campi Salentina: a distanza di mesi, per molti di loro ancora incertezze sulle sorti professionali. Purtroppo, la procedura di licenziamento nei loro confronti non è stata ancora revocata e la Cisl di Lecce dichiara di non aver ancora ricevuto risposte dalla politica.

“Ad oggi, nonostante le numerose richieste di incontro, non si ricevono risposte degne di questo nome. È vergognoso che il datore di lavoro, la Sgas srl (Sviluppo e gestione di attività sanitarie), ad oggi abbia unilateralmente deciso di anticipare soltanto il 30 percento dello stipendio maturato, una scelta inaccettabile per chi come noi crede che i lavoratori non siano una risorsa da spremere, ma siano fondamentali per il benessere dei pazienti”, scrive Fabio Orsini, segretario generale della Funzione pubblica del sindacato.

L’organizzazione, vista l’incertezza, sollecita la Asl di Lecce a trattenere le fatture emesse dalla società Sgas, per poter pagare gli stipendi dei lavoratori.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rsa, continua la protesta dei lavoratori: “oltre alla minaccia di licenziamento, stipendi pagati in parte”
LeccePrima è in caricamento