Clementino e l'Orchestra della Notte della Taranta pronti a infiammare la Focara

L'accensione della pira più grande del Mediterraneo avverrà il 16 gennaio. I ritmi della musica salentina e del rap napoletano saranno i protagonisti dell'evento di Novoli

NOVOLI – I ritmi e le melodie tipiche del Salento incrociano il rap napoletano: un connubio insolito, ma intrigante, quello che farà da sfondo alla Notte della Fòcara.

Il 16 gennaio, a Novoli, si ripeterà l'antico rito dell'accensione della pira più grande del Mediterraneo, alta 25 metri di altezza e larga 20, composta da 45 mila fascine raccolte dai volontari del Comitato festa nelle campagne del negroamaro.

Intorno al grande fuoco propiziatorio, e dopo la sua tradizionale accensione, prenderà il via, in piazza Tito Schipa, l'evento più atteso dell'inverno, promosso dal Comune di Novoli con il sostegno della Regione Puglia, che avrà come protagonisti l'Orchestra popolare Notte della Taranta e il rapper Clementino.

Il brano Fuecu,  scritto nel 2015 da Daniele Durante, aprirà la serata musicale “Taranta e Tarantelle” che riproporrà il connubio musicale che ha caratterizzato l'edizione 2018 del  Concertone di Melpignano.

Nella prima parte, dalle 22 alle 23:30, l’Orchestra popolare presenterà i brani più amati dal pubblico: una sequenza di pizziche e ballate a ritmo di tamburello.

Ambasciatrice della pizzica nel mondo, l’Orchestra proporrà una selezione di  20 canzoni  che rappresentano un viaggio sonoro tra le più belle pizziche da Taranto a Ostuni, da San Michele a Copertino, da San Vito dei Normanni a Muro leccese.

Immancabile Aria Caddhipulina, l’allegra Lu Zinzale e il finale corale sulle note di Calinifta.

Ad interpretarle le  inconfondibili voci di Antonio Amato, Salvatore Cavallo Galeanda, Giancarlo Paglialunga e di Enza Pagliara, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano e Consuelo Alfieri e i musicisti diretti da Daniele Durante: Giuseppe Astore (violino), Nico Berardi (fiati), Roberto e Alessandro Chiga (tamburello), Leonardo Cordella (organetto), Valerio Combass Bruno (basso), Roberto Gemma (fisarmonica), Gianluca Longo (mandola), Antonio Marra (batteria), Alessandro Monteduro (percussioni), Attilio Turrisi (chitarra battente).

Danzeranno la pizzica Laura Boccadamo, Mihaela Coluccia, Andrea Caracuta e Marco Martano.
 
Dalle 23:30 l’atteso concerto di Clementino con i successi dell’ultimo album “Tarantelle” che ha debuttato con 13 milioni di stream su Spotify in sole due settimane. 

Considerato uno dei pilastri del rap italiano, signore del freestyle, l’artista regalerà ai fan i successi “Chi vuol essere milionario”, “Hola”, “Versi di te”,  “Mare di notte”, “Diario di bordo” e molti altri.

“La Fòcara, momento di aggregazione del mondo contadino diventa veicolo di marketing turistico e culturale – ha commentato  l’assessore alla Cultura, Sabrina Spedicato - ecco perché abbiamo scelto di coniugare tradizione e modernità regalando al pubblico del 16 gennaio uno spettacolo che diventerà certamente la versione winter della Notte della Taranta”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento