rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Interessati anche i centri salentini

Consiglio di Stato, stop al limite d’età per la scelta del direttore sanitario nei laboratori

Con una recente ordinanza disposta la sospensione dell’efficacia del provvedimento con cui la Regione ha imposto il limite massimo del 70esimo anno di età per il responsabile sanitario delle strutture private accreditate. Sollecitato il giudizio di merito al Tar

LECCE – Con una recente ordinanza il Consiglio di Stato ha disposto la sospensione dell’efficacia del provvedimento con cui la Regione Puglia ha imposto il limite massimo del 70esimo anno di età per il ruolo del direttore, o responsabile, sanitario delle strutture sanitarie private accreditate con il servizio sanitario nazionale. Un provvedimento che riguarda da vicino molte strutture tra laboratori e centri di analisi anche del Salento.

I giudici della terza sezione del Consiglio di Stato (presidente Michele Corradino) hanno accolto il ricorso d'appello contro la precedente ordinanza di sospensiva del Tar Puglia, che di fatto aveva avallato la validità della disposizione regionale, e riformando l'ordinanza impugnata, hanno accolto la relativa istanza cautelare ai soli fini della sollecita definizione del ricorso nel merito in primo grado dinanzi al Tar.

Nel dettaglio il massimo organo della giustizia amministrativa con due ordinanze del 25 settembre scorso ha accolto l'appello proposto dall'avvocato Alberto Pepe per conto di un nutrito gruppo di laboratori di analisi pugliesi e di alcune organizzazioni di categoria (tra cui Federbiologi e Lanap) ed hanno riformato l'ordinanza con cui inizialmente il Tar di Bari aveva invece ritenuto che tale divieto o limite potesse operare.

In attesa pertanto che il giudice amministrativo decida anche nel merito la controversia, la Regione non potrà applicare il limite del 70esimo anno di età ai responsabili sanitari delle strutture private accreditate, come previsto per altro nelle strutture pubbliche.

“Il Consiglio di Stato è giunto a tale conclusione peraltro” spiega l’avvocato Pepe, “richiamando per relationem il principio già espresso nel medesimo giudizio secondo cui non appare sprovvisto di fumus l’appello cautelare nella parte volta a censurare la previsione...che non consente, nell’ambito della dotazione di personale in servizio presso la struttura, la valutazione delle figure professionali che abbiano compiuto il settantesimo anno di età, con effetti sull’assegnazione del budget”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio di Stato, stop al limite d’età per la scelta del direttore sanitario nei laboratori

LeccePrima è in caricamento