rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
In consiglio

Contrassegno Cude e stalli per persone con disabilità: approvato nuovo regolamento

Lo strumento disciplina le modalità per il rilascio e l’utilizzo del distintivo autorizzativo. L’assessore De Matteis: “Per la prima volta definiti in maniera netta chiara e oggettiva i criteri”

LECCE – Contrassegno Cude (certificato unico disabili europeo) per la circolazione e la sosta dei veicoli a servizio di persone con disabilità: nella seduta del consiglio comunale di Lecce del 15 aprile scorso è stato approvato il nuovo regolamento che disciplina le modalità per il rilascio e l’utilizzo del distintivo e l’istituzione di stalli riservati alle persone con capacità di deambulazione impedita o sensibilmente ridotta, permanente e temporanea, sul territorio del capoluogo salentino.

Il contrassegno Cude, il cui utilizzo riservato esclusivamente al titolare, è la speciale autorizzazione rilasciata a persone con gravi difficoltà motorie introdotta dalla raccomandazione del Consiglio dell'Unione europea 98/376/CE. Per il rilascio gli interessati hanno la possibilità di presentare domanda in carta semplice, compilata su moduli appositamente predisposti, pubblicati sul sito internet del Comune, alla quale viene allegata la certificazione medico-legale rilasciata dalla Asl di appartenenza da cui emerga il sussistere della sensibile riduzione della deambulazione ovvero lo stato di non vedente. Il rilascio del contrassegno prescinde dalla titolarità di una patente di guida o dalla proprietà di un automezzo.

Nei casi in cui ricorrano particolari condizioni di disabilità ai sensi dell’articolo 381 V comma del D.P.R. 495/92, il titolare di contrassegno Cude può richiedere l’istituzione a titolo gratuito di un adeguato spazio di sosta individuato e di apposita segnaletica sia nei pressi della propria abitazione sia, per un tempo non eccedente l’usuale orario di lavoro o di istruzione, presso il posto di lavoro o di studio.

La domanda di assegnazione di un posteggio personalizzato deve essere inoltrata in carta semplice, compilata su modulo appositamente predisposto e pubblicato sul sito istituzionale comunale, corredata della copia del contrassegno Cude in corso di validità e dalla dichiarazione con la quale si attesta che l’abitazione non dispone di parcheggio pertinenziale privato o di area di proprietà del nucleo familiare, o che lo stesso risulta privo degli adeguati requisiti di accessibilità.  Nel caso di posteggio riservato in prossimità del luogo di lavoro o di studio è necessaria anche la dichiarazione su carta intestata rilasciata dal datore di lavoro o dall’istituto scolastico.

L’uso dell’area di parcheggio non è esclusivo o personale. L’amministrazione si riserva la facoltà, anche nelle aree non tariffate, di istituire stalli di sosta “generici” riservati ai possessori del contrassegno, in prossimità di attività commerciali, uffici pubblici, istituti scolastici, gabinetti fisioterapici, studi medici, farmacie e associazioni di riferimento frequentati da persone con disabilità.

“Con questo regolamento per la prima volta il Comune di Lecce stabilisce delle regole a livello comunale per la realizzazione degli stalli gialli di sosta – dichiara l’assessore alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis – definiamo dunque in maniera netta chiara e oggettiva quelli che sono i criteri per il rilascio dello stallo di sosta. Ringrazio i consiglieri che hanno colto l’utilità di questo intervento, approvando il regolamento all’unanimità e ringrazio il garante comunale per le persone con disabilità che ha contribuito alla stesura”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrassegno Cude e stalli per persone con disabilità: approvato nuovo regolamento

LeccePrima è in caricamento