rotate-mobile
Attualità

Aspetti sociali e legislativi contro la povertà educativa. A Lecce un convegno per contrastare il fenomeno

È stato organizzato dalla Fondazione “Caritas diocesana Lecce” per martedì 21, alle 16.30, presso l’aula Conferenze del Rettorato universitario dell’ateneo salentino

LECCE – Aspetti sociali e legislativi per evitare la povertà educativa. Un convegno sul contrasto alla povertà educativa è stato organizzato dalla Fondazione “Caritas diocesana Lecce” per martedì 21, alle 16.30, presso l’aula Conferenze del Rettorato universitario a Lecce. In collaborazione col Tribunale dei minori di Lecce, al Dipartimento di Scienze Sociali e umane dell’ateneo del Salento, alla Fondazione “Francesca Massa” e agli istituti comprensivi “Stomeo -Zimbalo” e “Alighieri -Diaz”, la Caritas di Lecce vuole accendere un riflettore sulla povertà educativa che interessa non poche famiglie, anche nel capoluogo e nei centri dell’entroterra leccese.

Il convegno, dal titolo “Il talento è nella relazione: percorsi pedagogici e legislativi nella crescita delle comunità educante” vedrà la partecipazione, tra i relatori, della Presidente del Tribunale dei Minori di Lecce, Bombina Santella; di Ezio del Gottardo dell’Università di Lecce; di Donatella Turri della Direzione  della Caritas nazionale; di Paola Calò della Società italiana di Psichiatria , di dirigenti scolastiche ed educatrici impegnate nel progetto “Laboratorio dei Talenti, Officine didattiche” della Fondazione “Caritas diocesana di Lecce”. Modererà l’incontro Salvatore Renna, responsabile del progetto.

“Posto l'intreccio indissolubile fra povertà educativa ed economica – afferma monignor. Nicola Macculi, Ddirettore della Caritas diocesana di Lecce - l’idea della nostra Fondazione  di promuovere un progetto in materia di "Povertà educative e di contrasto al rischio di dispersione scolastica" nasce dalla convinzione che l’erogazione di un’offerta formativa di qualità, molto più delle altre tipologie di sostegno (es. economico; alimentare; ecc.), è potenzialmente in grado di interrompere il circolo vizioso della povertà, che – normalmente - si perpetua da una generazione all’altra, per la mancanza di mezzi dei genitori che mina le possibilità educative dei figli, i quali – cresciuti – soffriranno a loro volta della medesima marginalizzazione sociale ed economica".

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aspetti sociali e legislativi contro la povertà educativa. A Lecce un convegno per contrastare il fenomeno

LeccePrima è in caricamento