rotate-mobile
Sabato i funerali / Squinzano

Cordoglio nell’Arma dei carabinieri: ultimo saluto all’ex comandante generale Bellini

Si è spento all’età di 84 anni il Generale di corpo d’Armata, originario di Monteroni, ed ex comandante generale della Benemerita: incarico che ha assunto dal 18 aprile del 2002 al maggio del 2004. Dopo una brillante carriera era tornato a vivere nel Salento

SQUINZANO - Cordoglio e profonda mestizia negli ambienti dell’Arma dei carabinieri che hanno appreso della scomparsa, in queste ore, del Generale di Corpo d’Armata, Guido Bellini, salentino, originario di Monteroni, ed ex comandante generale della Benemerita: incarico ricoperto dal 18 aprile del 2002 al maggio del 2004.

Bellini aveva compiuto, a maggio, 84 anni ed era recentemente stato ricoverato presso l’ospedale “Vito Fazzi” per alcuni problemi di salute. Dopo una lunga e prestigiosa carriera, costellata anche da diverse onorificenze conseguite, fino a raggiungere i massimi livelli dell’Arma, il generale era tornato a stabilirsi nel Salento, in territorio di Squinzano.

Era nato il 5 maggio del 1939 a Monteroni di Lecce e sin da giovanissimo decise di intraprendere la carriera militare. Entra così nell'Accademia militare di Modena, correva l’anno 1958 e viene nominato sottotenente del Genio Pionieri, due anni dopo. Frequenta poi la Scuola di Applicazione D'Arma di Torino, classificandosi primo assoluto (in tale contesto consegue anche la laurea in Scienze Strategiche presso l’Università degli Studi di Torino),  e presta servizio in diverse unità operative del Genio.

Il 31 dicembre del 1983 è promosso colonnello e destinato alla Scuola Militare del Genio. Due anni dopo è destinato allo Stato Maggiore dell'Esercito con l'incarico di Capo ufficio ricerche e studi. Promosso generale di brigata, ottiene il comando della Brigata motorizzata Friuli.

Dal 1992 al 1994 ha ricoperto l'incarico di Capo del 1° Reparto dello Stato Maggiore della Difesa e anche il ruolo di presidente del Comitato sportivo militare nazionale. Nominato ispettore dell'Arma del Genio, quindi sottocapo di Stato Maggiore dell'Esercito, dal 1997 viene anche nominato ispettore logistico dell'Esercito.

Nell’aprile del 2002, come detto,  è chiamato a sostituire il generale Sergio Siracusa, nominato consigliere di Stato, per ricoprire la carica di comandante generale dell'Arma dei carabinieri. Bellini sarà l’ultimo comandante generale dei carabinieri proveniente dalle fila dell'Esercito.

Rimarrà al comando generale sino al 2004, per transitare poi in Ausiliaria. Negli anni successivi ha ricoperto la carica di presidente della Selex Communications del Gruppo Finmeccanica. Si attende la comunicazione della celebrazione dei funerali che si svolgeranno nella giornata di sabato, 2 dicembre. Il sindaco di Squinzano, Mario Pede, ha annunciato la proclamazione del lutto cittadino.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cordoglio nell’Arma dei carabinieri: ultimo saluto all’ex comandante generale Bellini

LeccePrima è in caricamento