menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, LeccePrima smentisce la notizia su Maglie: è solo un falso

Ricalcando la struttura della testata, è stata diffusa oggi una schermata attraverso i cellulari. Non c'è alcun caso di positività

Come già accaduto ad altre testate del gruppo Citynews e non, ci vediamo oggi costretti a smentire una finta notizia che ha iniziato a circolare in provincia di Lecce, dal titolo “Nuovo caso nel magliese: l’appello degli studenti al prefetto”, attribuita a LeccePrima. È tutto, ovviamente, falso. Non abbiamo mai pubblicato una notizia del genere. Semplicemente, si sta diffondendo sui telefonini una schermata realizzata con qualche programma di grafica, con falsi contenuti che chiamano in causa, però, persone, istituzioni e strutture realmente esistenti.

In breve abbiamo ricostruito quanto presumibilmente avvenuto. Si dovrebbe essere trattato di uno scherzo, sfuggito però di mano agli autori. La situazione ha preso una piega che, in un momento storico come questo, era quasi inevitabile. Quella schermata, probabilmente, doveva restare in un circolo chiuso di amici (un gruppo di ragazzi), ma con i social e i sistemi di messaggistica come Whatsapp, ci vuole davvero poco a diffondere panico fra la popolazione. Basta che un singolo messaggio assuma una traiettoria non prevista, finendo nel telefono di qualcuno non al corrente dello scherzo, o che non sappia riconoscerlo come tale, e la frittata è fatta. Perché certi messaggi, si sa, sono più virali del Covid-19 stesso.

Un monito a chiunque sia in vena di scherzi con argomenti così seri e delicati come il contenimento del nuovo Coronavirus e, in generale, con fatti di cronaca: riflettete sempre sulle vostre azioni, facendo molta, molta attenzione all’uso dei social. Solo nel finto articolo in questione che sta circolando sui telefonini in queste ore, con poche righe, sono state messe in mezzo una serie di strutture ignare di tutto. Per non parlare del danno d’immagine al giornale e alla credibilità di chi ci lavora e al tempo che stiamo perdendo per rassicurare tutti. Ovviamente, ci riserviamo di fare le nostre valutazioni sul caso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento