Corteo antimafia a Foggia: Salvemini presente con "la voce dei leccesi"

Venerdì manifestazione di Libera: appello alla partecipazione da tutta la regione. Il capoluogo dauno è sotto l'assedio della criminalità organizzata

Foto da FoggiaToday.

LECCE – Si chiama “Foggia libera Foggia” la manifestazione convocata per venerdì nel capoluogo dauno. Sotto la bandiera di Libera, associazione antimafia per eccellenza nel panorama italiano, molti cittadini di Foggia hanno deciso di darsi appuntamento per lanciare un segnale alla criminalità organizzata che sta vessando il territorio senza soluzione di continuità. Don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione, ha lanciato un appello generale, esteso anche agli abitanti e agli amministratori dei territori vicini.

La sollecitazione è stata accolta dal sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, che ha annunciato la sua partecipazione al corteo promosso “contro la criminalità organizzata che assedia una comunità: estorce, intimidisce, corrompe e uccide, non solo uomini e donne, ma anche speranza, fiducia, futuro. C'è in Puglia, in Italia, un’emergenza criminale che impone la massima attenzione civile e culturale. Andrò a Foggia per portare la voce dei leccesi che credono nella libertà, nella legalità, nella giustizia. E a fianco di don Luigi Ciotti ci saranno sicuramente tanti sindaci e amministratori di Puglia per ribadire che questa regione vuole essere 'Libera' dalle mafie”.

Anche Anci Puglia, associazione che riunisce i comuni della regione, ha aderito all’appello di Don Ciotti “a sostegno della legalità, contro ogni forma di violenza, contro la criminalità organizzata, per esprimere vicinanza e solidarietà al sindaco Franco Landella, alle istituzioni, alla comunità foggiana e a tutta la cittadinanza della provincia dauna”. Intanto a Foggia sono in via di definizione i dettagli della manifestazione: divieto di sosta dalle 7 del mattino e divieto di transito dalle 14 lungo le strade interessate dal corteo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Anziani maltrattati in una casa di riposo, scattano 11 denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento