rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità

Covid 19, la quarta ondata si espande. A Copertino sono oltre 500 i casi attivi

I tamponi processati superano la soglia di 70 mila e i casi positivi sono 2.885, di cui 630 in provincia di Lecce. Si registrano anche sette decessi. Stabili le ospedalizzazioni che reggono per ora l’urto. La sindaca Schito invita i cittadini alla prudenza. A Lecce protezione civile in aiuto a soggetti in quarantena

LECCE - L’onda espansiva delle varianti del covid-19 da registrare un notevole incremento dei contagi, la maggior parte dei quali pressoché asintomatici o pauci-sintomatici, ma in Puglia regge ancora il numero delle ospedalizzazioni che consente di fronteggiare la quarta ondata senza ulteriori criticità. Molto più complesso invece il discorso del tracciamento di contatti stretti che ha mandato pressoché al collasso le attività di monitoraggio delle asl territoriali.

Incidenza dei contagi stabili secondo il responso odierno del bollettino regionale: su ben 73.314 test eseguiti sono 2.885 le persone risultate positive al coronavirus nelle ultime 24 ore. E si registrano purtroppo sette decessi di pazienti le cui condizioni si sono aggravate a seguito dell’infezione.

In netta risalita il numero degli attuali positivi rispetto al dato diffuso ieri: attualmente in Puglia risultano positive al covid 16.035 persone, ovvero 2.155 in più rispetto al dato precedente. Nella sola provincia di Lecce i casi positivi attualmente attivi superano già la soglia dei 5mila. La situazione aggiornata nei reparti ospedalieri conta ora 203 persone ricoverate con sintomi in area non critica (ieri erano 199), mentre il numero dei degenti in terapia intensiva è salito a 24.

La suddivisione degli oltre duemilaottocento nuovi contagi ne indica 926 in provincia di Bari, 368 nella Bat, 328 in provincia di Brindisi, 292 in provincia di Foggia, 630 in provincia di Lecce, 256 in provincia di Taranto. Altri 78 sono i residenti fuori regione e per altri sette la provenienza è ancora in fase di definizione.

Complessivamente, dall'inizio della pandemia, sono 299.150 i pugliesi contagiati dal covid, di cui 37.114 in provincia di Lecce, e 6.962 i decessi totali. I soggetti totali guariti sono stati, sino ad ora, 276.153.

Leggi il bollettino

Copertino, oltre 500 casi attivi

Secondo il dato aggiornato direttamente dal primo cittadino, Sandrina Schito, da sempre vigile sull’andamento della diffusione della pandemia sul territorio comunale, oggi è di 410 il numero dei copertinesi attaulmente positivi. In serata però, secondo quanto appreso dal nostro giornale, il dato è cresciuto ulteriormente e, al netto delle guarigioni intanto acquisite, il novero dei casi attuali risulta di 510.

La maggior parte di questi risulta essere completamente asintomatico, altri cittadini invece presentano  lievi sintomi (soprattutto raffreddore), pochissimi con febbre. Si tratta per lo più di soggetti vaccinati, qualcuno anche con terza dose.

“È la variante Omicron che si sta diffondendo a macchia d'olio” commenta la sindaca Schito, “dopo i primi focolai che hanno fatto varco al contagio, questo ha continuato a propagarsi. Tra ieri ed oggi pochi i locali aperti, e rispetto delle regole, seppur tardivo. L'invito rimane sempre  lo stesso: evitare gli incontri familiari, riunioni, cenoni, e soprattutto diventa sempre più importante continuare la vaccinazione, fin'ora unico e solo argine e protezione a sintomatologie gravi, ospedalizzazioni o terapie intensive, come si sta appurando con evidenza”.

I casi di contagio in aumento interessano un po’ tutti i comuni salentini: tra gli ultimi aggiornamenti quelli di Leverano dove i dati riferiti dalla prefettura contano 100 cittadini attualmente positivi, e 107 a Melissano.      

Vaccini, prosegue la campagna

Sono 9.370 le vaccinazioni somministrate nella giornata di ieri in provincia di Lecce tra punti vaccinali di popolazione, centri sanitari, farmacie e medici di medicina generale, in ambulatorio e a domicilio.

Procede la vaccinazione dei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni: in 978 hanno ricevuto il vaccino ieri. In programma per il 6 gennaio, dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 17.30, nel Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, un open day per la vaccinazione dei bambini.

Il primo gennaio i punti vaccinali rimarranno chiusi, mentre domenica 2 saranno aperti gli hub della Caserma Zappalà, quello di Martano e di Gagliano del Capo.

La somministrazione della terza dose avviene esclusivamente su prenotazione, l'accesso diretto è previsto dalle ore 9 alle ore 13 dal lunedì al sabato per pazienti trapiantati e immunocompromessi di età superiore ai 12 anni, ai pazienti fragili o con disabilità grave, ai caregiver di estremamente vulnerabili, ai vaccinati all’estero con vaccino non autorizzato da Ema che richiedono la terza dose. Accesso diretto anche per prime e seconde dosi, sempre dalle 9 alle 13, dal lunedì al sabato.

Controlli, stretta per il Capodanno

Si prevedono controlli intensificati per il Capodanno per verificare il rispetto delle ultime disposizioni anti-covid, ovvero anche il divieto di feste nei locali e all'aperto, per paura di assembramenti, e l'obbligo all’uso della mascherina anche su mezzi di trasporto. E' quanto dispone una circolare del Viminale inviata in queste ore ai prefetti e che invita a controlli intensi e mirati, nelle giornate festive e prefestive, in particolare nelle zone centrali delle città e in quelle dove insistono più locali.

Il monitoraggio giornaliero dei servizi di controllo anti-covid della prefettura di Lecce indica che nelle ultime ore sono state controllate 584 persone in merito al possesso del green pass, ma non si registrano sanzioni o denunce nemmeno per il mancato uso delle mascherine. Unica sanzione elevata per un titolare di una attività commerciale sulle 77 verifiche complessive eseguite dalle forze dell’ordine nella giornata di ieri.

Lecce, protezione civile in aiuto

Il Comune di Lecce ha comunicato che da domani il Centro operativo comunale di protezione civile sarà aperto dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 14, e nei giorni di martedì e giovedì fino alle 19. Le donne e gli uomini della protezione civile aiuteranno le famiglie in quarantena e gli anziani soli, che non possono uscire da casa, a fare la spesa alimentare e la spesa farmaceutica. Per accedere al servizio occorre telefonare negli orari indicati al numero 0832/230049.

I cittadini per i quali la positività è stata riconosciuta dalla Asl sono tenuti a conferire i rifiuti domestici in maniera diversa. Chi si trova in questa condizione deve segnalarsi al settore Ambiente del Comune inviando una mail all’indirizzo: rifiuti.quarantena@comune.lecce.it

Per gli anziani sprovvisti di un proprio indirizzo mail o impossibilitati all'utilizzo di internet è possibile segnalarsitelefona ndo alla Centrale operativa della Polizia Locale: 0832/230050-0832/233211-0832/233212 o al numero verde: 800/848586

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid 19, la quarta ondata si espande. A Copertino sono oltre 500 i casi attivi

LeccePrima è in caricamento