Venerdì, 25 Giugno 2021
Attualità

Covid, pochi tamponi e contagi al minimo. Prima dose di vaccino ad oltre 4mila studenti

Solo un lieve incremento dei casi giornalieri che dai 90 di ieri passano a 142 su poco più di tremila tamponi analizzati. Sei i decessi registrati. L’adesione dei maturandi alla campagna vaccinale è stata quasi totale e prosegue in vista degli esami del 16 giugno. Gabellone sollecita Lopalco su disabili, caregiver e futuri sposi

LECCE - Inizio di settimana con la solita contrazione del numero dei tamponi analizzati, poco più di tremila, e con la diffusione del virus che rimane ancorato a livelli minimi. Il bollettino epidemiologico odierno riporta che su 3.755 test effettuati  per rilevare l'infezione da covid-19 sono stati registrati 142 casi positivi, con un lieve incremento rispetto ai 90 rilevati ieri sulla base di 5.395 test processati.

Di questi 22 sono riconducibili alla provincia di Bari, 26 alla provincia di Brindisi, 5 alla provincia della Bat, 35 alla provincia di Foggia, 45 alla provincia di Lecce e 7 alla provincia di Taranto. Un  caso è riferito ad un residente fuori regione e uno di provincia di residenza ancora non nota. Si contano anche altri sei decessi: uno in provincia di Brindisi, due in provincia di Foggia, due in provincia di Lecce e uno in provincia di Taranto.

Il tutto mentre prosegue a buon ritmo la campagna vaccinale sul territorio regionale e oltre quattromila sono stati sino ad ora gli studeneti maturandi (su circa 40mila complessivi) che hanno ricevuto ieri la prima dose del vaccino anti-covid. Presso le strutture scolastiche e gli hub di tutta la regione, dalle 18 alle 22, si eseguono le vaccinazioni per gli studenti dell'ultimo anno delle scuole superiori che dal 16 giugno affronteranno l'esame di maturità. L'adesione degli studenti alla campagna vaccinale è stata quasi totale. In provincia di Lecce sono nel pomeriggio di ieri sono stati complessivamente 540 gli studenti delle scuole superiori che hanno ricevuto la prima dose del vaccino prima degli esami.

Hub Fiera maturandi Bari (13)-2

Leggi il bollettino del 29 Maggio

Il numero delle persone guarite sul territorio regionale raggiunge quota 218.99 con un incremento di 895 nelle ultime 24 ore. In isolamento domiciliare ci sono 24.339 persone, il 97,7 per cento dei contagiati. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati complessivamente 2.493.643 test per accertare la positività o meno al coronavirus.  

Il totale dei decessi continua purtroppo a salire e dall’inizio della pandemia ha raggiunto la quota di 6.502 vittime. E sempre dall’inizio della pandemia ad oggi il totale dei casi positivi confermati di covid in Puglia è stato di 250.419. I soggetti attualmente positivi in Puglia sono 24.924. I pazienti ricoverati oggi sono 585 (pari al 2,1 per cento), ovvero cinquanta in meno rispetto a ieri.

Gabellone a Lopalco: “Ritardi per caregiver. Vaccino agli sposi”

Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Antonio Gabellone, ha interessato, con lettere formali, l’assessore regionale alla Sanità, Pier Luigi Lopalco su due problematiche relative alle vaccinazioni anti-covid: i ritardi nella vaccinazione di disabili, caregiver e familiari, e la necessità di vaccinazione prioritaria anche per coloro che contraggono matrimonio.

Prima di entrare nel merito della prima questione Gabellone ha evidenziato che la questione esposta è stata oggetto di richiesta di audizione urgente del 19 maggio scorso e non ancora svolta.

“Tuttavia la delicatezza di quanto sarà trattato impone una soluzione immediata che non può attendere le tempistiche della regolare convocazione delle commissioni consiliari” scrive Gabellone a Lopalco, “motivo per il quale pongo all’attenzione le istanze che provengono dalle persone con disabilità grave, per i loro familiari conviventi, per i loro genitori, tutori o affidatari e per i loro caregiver. Detti utenti lamentano che, ad oggi, continuano ad incontrare difficoltà, se non addirittura l’impossibilità di prenotarsi alla vaccinazione, specie per quanto riguarda il secondo caregiver”.

Il consigliere ha sollecitato l’assessore a fornire indicazioni agli uffici competenti per mettere in moto la macchina amministrativa e per dare in tempi rapidi la possibilità di vaccinarsi a quelle categorie.

La seconda problematica riguarda invece l’imminente ripartenza del settore del wedding, ed alcune perplessità e dubbi che sono stati posti da coloro che hanno fissato la data del loro matrimonio a partire dal 15 giugno prossimo in poi.

“Le maggiori titubanze dei nubendi” dice Gabellone “riguardano i ricevimenti, perché se è vero che, il governo dal 15 giugno ha previsto la possibilità di tornare a organizzare le feste per le nozze, allo stesso tempo ha imposto regole molto rigide per la partecipazione. Infatti, per prendere parte al ricevimento servirà il green pass, la certificazione rilasciata dalle autorità sanitarie che attesta di avere concluso il ciclo vaccinale o di avere ricevuto la prima dose da almeno 15 giorni”.

“Inoltre, può anche succedere che uno o entrambi i nubendi possano contrarre il virus nei giorni precedenti il matrimonio e tanto comporterebbe l’annullamento dello stesso con inevitabili conseguenze economiche negative per il settore del wedding, fiorai, ristoratori, musicisti. Ragion per cui, le chiedo se non ritiene opportuno consentire prioritariamente la vaccinazione ai nubendi che hanno fissato la data del loro matrimonio a partire dal 15 giugno sino a settembre 2021.

IMG_8877-7

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, pochi tamponi e contagi al minimo. Prima dose di vaccino ad oltre 4mila studenti

LeccePrima è in caricamento