Decreto Martina, arriva il no anche dal Comune di Galatone. “Contrari all’uso dei pesticidi”

Il sindaco Filoni e la giunta hanno espresso la propria contrarietà al decreto del ministro per la lotta al vettore della xylella. Adesione anche al ricorso al Tar

Un olivo (Foto di repertorio)

GALATONE - Dopo la controffensiva segnata a colpi di ordinanze a partire da Nardò, Nociglia e Muro Leccese anche il Comune di Galatone, con una delibera approvata oggi, ha espresso la propria contrarietà al decreto Martina, aderendo all’iniziativa giudiziaria che vede coinvolti altri enti. Il decreto contestato è quello con cui il ministro alle Politiche agricole, Maurizio Martina ha imposto, dallo scorso 6 aprile, l’obbligo dei pesticidi per contrastare la lotta al vettore della xylella fastidiosa. Una disposizione contro la quale in diversi comuni salentini si sono levate le proteste del mondo agricolo, delle associazioni di categoria, delle amministrazioni locali, dell’ordine dei medici e di molti altri organismi. La protesta dei sindaci “disobbedienti” continua ad allargarsi a macchia d’olio, sarebbe proprio il caso di dire, mentre nel capoluogo salentino il sindaco Carlo Salvemini ha motivato la sua scelta di non firmare un’ordinanza per vietare l’uso dei fitofarmaci e di non impugnare, con ricorso al Tar, il decreto sulle misure di emergenza per la prevenzione, il controllo e l’eradicazione della xylella fastidiosa.       

Per il sindaco di Galatone, Flavio Filoni e l’amministrazione comunale galatea, invece, il decreto in questione appare in contrasto con quanto previsto dallo stesso ministero nel “Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari” introdotto con il decreto del 22 gennaio 2014 e che stabilisce che “ai fini della tutela della salute e della sicurezza pubblica è necessario ridurre l’uso dei prodotti fitosanitari o dei rischi connessi al loro utilizzo nelle aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili, ricorrendo a mezzi alternativi, meccanici, fisici, biologici”. Partendo da tali presupposti la giunta comunale di Galatone ha deciso, a scopo cautelativo e in via precauzionale, di avallare la controffensiva con l’uso in agricoltura pesticidi e prodotti fitosanitari estranei alle normali prassi agricole, quindi nei modi e nelle forme previste dal decreto.IMG-20180515-WA0001-2

“La stessa autorità europea per la sicurezza alimentare” spiega nel dettaglio il sindaco Filoni, “aveva concluso che la maggior parte dei modi in cui i pesticidi neonicotinoidi vengono usati rappresenta un rischio per le api selvatiche e quelle mellifere. Conclusione che poi ha comportato la messa al bando di tre neonicotonoidi e il 27 aprile scorso i paesi membri dell’Unione europea hanno approvato la richiesta della commissione di porre fine all’utilizzo nei campi all’aperto dei tre neonicotinoidi nocivi a partire dalla fine del 2018, consentendone l’uso solo in serra. Non si vede quindi” evidenzia il primo cittadino, “come alcuni di questi neonicotinoidi siano inseriti nel decreto nell'elenco dei pesticidi-insetticidi da usare per la lotta alla philaenus spumarmi”. Alla luce di tutto questo l’amministrazione comunale comunica di aver scelto un criterio di prevalenza e di precauzione per la salute pubblica. “Ogni contrario richiamo alla ragion di stato non può essere anteposto a tale criterio primario” conclude Filoni, “nel frattempo si spera che il ministero voglia evitare scontri giudiziari che non agevolano il serio dibattito democratico con le comunità locali”. L’auspicio quindi è quello di una presa d’atto del ministro e di un ritiro responsabile delle norme sull’obbligo dei pesticidi contenute nel decreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento