Bene confiscato alla Scu: approvato progetto definitivo “Faro di comunità”

E' stata approvata oggi la delibera relativa alla riconversione dell'edificio di via Recanati a San Cataldo: sarà centro sociale per minori e sede per sport acquatici

LECCE- “È stata definitivamente approvata la delibera relativa alla variante urbanistica del progetto ‘Faro di comunità’ che ha per oggetto il recupero e la rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata a San Cataldo”: è l’annuncio in un post del proprio profilo facebook del neoassessore ai Lavori pubblici, Marco Nuzzaci, che ha preso posto e delega di Alessandro Delli Noci, eletto in consiglio regionale.

Si tratta della prima delibera discussa dal neoassessore nel consiglio comunale ancora in corso a Palazzo Carafa. “Il progetto Faro di San Cataldo proveniente dal Pon legalità 2014/2020 consiste, di fatto, nella realizzazione di un centro per associazioni, nel quale verranno proposte diverse attività sociali e culturali legate al mare. Tale progetto, che ha come obiettivo la valorizzazione dei beni confiscati per l'erogazione di servizi alla collettività, nasce in un’ottica di promozione della cultura della legalità”, conclude nel post l’assessore Marco Nuzzaci.

In sostanza, attraverso la delibera approvata, è stata concessa la variante urbanistica che permetterà di abbattere l’edificio abusivo, attualmente insistente in via Recanati a San Cataldo, nel Villaggio Adriatico, per permettere la realizzazione di una struttura in cui verranno ospitate le associazioni che si occupano di sport acquatici e un centro sociale per minori che hanno avuto devianze sociali o che saranno riabilitati dopo la permanenza in carcere.

L’immobile del progetto “Faro di comunità”

Il grande edificio abusivo, acquisito nel patrimonio del comune di Lecce nel 2017, è stato sequestrato alla Sacra Corona Unita nel 2015, aggiungendosi così ai 21 beni confiscati alla criminalità organizzata, tra terreni e fabbricati, già nella disponibilità del Comune. L’edificio, che con molta probabilità veniva utilizzato in passato dai sodali per il deposito di bionde illegali e droga, si trova in via Recanati 6, nell’agglomerato del Villaggio Adriatico, alle porte di San Cataldo.

Il progetto “Faro di comunità”

Il bene donato ai cittadini del Salento sarà, dunque, recuperato e riconvertito grazie a un finanziamento del ministero dell’Interno per importo pari a 740mila euro e sarà la risposta dell’intera comunità che sostiene la legalità senza aver paura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coppia massacrata in casa, il giovane assassino reo confesso chiede l’abbreviato

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Paura nella notte: fulmine su palazzina sveglia i residenti, danni a elettrodomestici

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento