rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Approvata delibera / San Pio / Via Pozzuolo

Demolizione della case minime e riqualificazione a San Pio: individuata soluzione

L'impresa che nel 2009 si è aggiudicata la gara per la ricerca del partner privato acquisirà i lotti di terreno interessati per 805mila euro. Più vicina la realizzazione di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica e convenzionata, tra via Pappacoda e via Pozzuolo

LECCE – La vicenda della demolizione delle case minime di San Pio e successiva costruzione di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica e convenzionata sembra essere arrivata a una svolta.

Nel consiglio comunale di ieri, infatti, è stata approvata all’unanimità una delibera che, attraverso una convenzione integrativa, autorizza la cessione per 805mila euro all’impresa Camm srl dei lotti di terreno e dei fabbricati interessati dal Programma di riqualificazione urbana per gli alloggi a canone sostenibile del 2009.

Il crono-programma degli interventi allora stabiliti era stato vanificato da una serie di ostacoli, tra i quali il complicato trasferimento degli inquilini degli alloggi oramai degradati e l’indisponibilità di risorse finanziarie sufficienti a demolire le undici palazzine dell’area, nonostante l’inserimento dell’operazione in tutti gli elenchi triennali delle opere pubbliche, dal 2014 a oggi.

Lo sblocco dello stallo è arrivato grazie alla disponibilità dell’impresa, che si era aggiudicata l’originaria gara, a farsi carico, utilizzando dei benefici fiscali previsti dalla normativa, dell’esecuzione a proprie spese della demolizione degli edifici ricadenti nell’area dove si procederà alle nuove edificazioni. L’intervento riguarda la demolizione e ricostruzione di due edifici, uno composto da 32 nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica di 110 metri quadrati ciascuno e 7 non residenziali di 50 metri quadrati e il secondo composto da 19 alloggi di edilizia convenzionata e 2 locali di 50. L’intero isolato sarà dotato delle necessarie opere di urbanizzazione. La ditta Camm si occuperà anche dell’acquisizione dell’ultimo appartamento di proprietà rimasto ancora oggi abitato.

Il sindaco: “Sul quartiere attenzioni costanti”

“Nei prossimi mesi – ha commentato il sindaco, Carlo Salvemini - saranno rimossi i fabbricati che, ormai non abitati, rappresentano da più di un decennio un elemento di degrado che condiziona la vivibilità dell’intero quartiere. E al loro posto, con un intervento edilizio sostenibile e i servizi annessi, troverà spazio qualcosa di bello: nuove case che risponderanno al bisogno espresso da una larga parte della popolazione”.

Il primo cittadino ha quindi richiamato gli altri interventi in corso a San Pio: “Un quartiere sul quale le attenzioni dell’amministrazione sono costanti, nel quale recentemente è stato restituito alla fruizione pubblica Parco Corvaglia, nel quale è stata riaperta dopo anni Via Silvio Pellico, nel quale sono in corso progettazioni innovative su chiesetta Balsamo e le sue attrezzature sportive, nel quale, con l’acquisizione definitiva delle palazzine Erp di Via Birago andremo a potenziare ulteriormente la risposta dell’amministrazione al bisogno di casa”.

I tempi dell'intervento

Nella presentazione della delibera, l’assessore ai Lavori Pubblici, Marco Nuzzaci ha prefigurato i tempi dell’intervento secondo questa scansione: entro quattro mesi dalla sottoscrizione della convenzione con l’impresa, il Comune dovrà ricevere la richiesta di permesso a costruire, la presentazione dei progetti definitivi e l’impresa dovrà completare l’acquisizione dell’appartamento; ntro due mesi dal rilascio del permesso, dovrà completarsi la demolizione. Per la consegna delle abitazioni relative agli edifici Erp ci vorranno 24 mesi dall’inizio dei lavori.

L’esponente della giunta ha sottolineato il lavoro di squadra: “Ringrazio il sindaco, Alessandro Delli Noci, le assessore al Welfare Silvia Miglietta e all’Urbanistica Rita Miglietta e il dirigente Puce, oltre naturalmente alla ditta Camm Costruzioni insieme alla quale raggiungeremo un traguardo atteso da 14 anni. Dopo via Silvio Pellico e Parco Corvaglia, un altro tassello si aggiunge alla riqualificazione di San Pio. Ma non ci fermiamo. Dopo aver rinnovato l’asfalto in via Salvemini, via De Nicola, via Libero Grassi procederemo a breve ad asfaltare Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, Via delle Anime, Via Sozy Carafa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demolizione della case minime e riqualificazione a San Pio: individuata soluzione

LeccePrima è in caricamento