menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto inaugurazione della sala in Questura

Foto inaugurazione della sala in Questura

Donne e bambini in un luogo protetto: inaugurata una sala ad hoc in Questura

La stanza dell'ascolto è allestita con i fondi del Rotary Club e sarà in uso agli agenti che ascolteranno i soggetti fragili. Il questore Laricchia: "Un incoraggiamento a chi denuncia"

LECCE - Da oggi le vittime di violenza, per lo più donne e minori, potranno rivolgersi alla Polizia di Stato con la certezza di poter contare su un’accoglienza adeguata alla gravità della situazione. La Questura di Lecce si è infatti dotata di una stanza ad hoc, allestita per favorire l’ascolto protetto dei soggetti fragili che scelgono di essere coraggiosi. E quindi di sporgere denuncia.  

Un ambiente riservato e confortevole che incoraggia la vittima ad aprirsi senza riserve, con un occhio di riguardo per la fragilità dei bambini che lì potranno trovare anche peluche e giochi per preservare l’innocenza della tenera età.

La sala è stata inaugurata oggi, alla presenza delle autorità civili, militari ed ecclesiastiche e rappresenterà un valido supporto per gli agenti della divisione Anticrimine, spesso sono chiamati a collaborare con giudici e magistrati del Tribunale dei Minori di Lecce.

L’allestimento completo della stanza, arredamenti compresi, è stato donato dal Rotary Club di Gallipoli che ha devoluto una parte delle risorse della speculare Fondazione Rotary per sostenere un progetto di pubblico interesse.

L’obiettivo che si è posta la Polizia di Stato è stato quello di divulgare un messaggio di fiducia e di coraggio a tutte le vittime di violenza che da domani potranno contare sempre di più su un’attenzione particolare degli agenti sui casi più delicati. sala questura 2-2

“I dati relativi ai reati contro i minori sarebbe allarmanti comunque, anche se dovessimo conteggiare un solo caso, ma la provincia di Lecce è allineata alla media nazionale – ha precisato il questore Leopoldo Laricchia -. La stanza che abbiamo allestito con il supporto del Rotary Club è un uno strumento importante per gli agenti di polizia e per la magistratura che coordina le indagini sui casi di violenza. L’allestimento è stato studiato proprio per mettere a proprio agio le persone che hanno vissuto storie di dolore, in funzione del perseguimento dei responsabili di questi reati”.

“Le vittime e i testimoni di azioni violente in ambiente domestico sono costantemente in aumento – ha aggiunto Lucia Rabboni, presidente del Tribunale dei Minori di Lecce -. Questa iniziativa ha ricevuto il plauso del Tribunale perché ha dotato gli uffici della questura di una sala per l’ascolto protetto; i minori spesso patiscono relazioni genitoriali disattente e litigiose, il tribunale interviene frequentemente in situazioni di pregiudizio a causa di gravi conflitti che cerchiamo di contenere attraverso i servizi sociali. Si contano anche casi più gravi, relativi a maltrattamenti e abusi, ma la loro incidenza percentuale è senz’altro minore”.

“La sala rappresenta una scelta della polizia di Stato coerente con i recenti provvedimenti legislativi che impongono protocolli investigativi sempre più caratterizzati dalla protezione della persona vulnerabile che viene ascoltata in ambiente protetto, onde evitare forme di vittimizzazione secondaria e garantire l’autenticità dell’ascolto – ha puntualizzato Carmen Ruggiero, magistrato della Procura di Lecce -. Ciò conferma la sensibilità che quest’organo di polizia ha sempre manifestato nei confronti delle indagini in cui sono coinvolti soggetti particolarmente vulnerabili”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento