Doxi Alezio e Rosso Li Cuti, medaglia d’argento ai vini salentini a Bordeaux

Podio prestigioso per le due etichette di Cantina Coppola che hanno conquistato la giuria del concorso enologico internazionale di Francia

GALLIPOLI – Anche in terra francese il vino salentino fa parlare di sé e soprattutto occupa i primi posti nell’eccellenza delle produzioni vitivinicole che varcano anche il confine nazionale. Un podio significativo e una nuova affermazione di prestigio quella ottenuta recentemente dai vini prodotti dalla Cantina Coppola di Gallipoli che ha conquistato due medaglie d’argento al concorso internazionale di Bordeaux, Challenge du Vin, con il Doxi Alezio doc negroamaro rosso riserva 2013 e il Li Cuti Alezio doc negroamaro 2015. I riconoscimenti per l’Alezio doc, prodotto in diverse declinazioni dall’azienda Coppola, con la direzione dell'enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi, arrivano dunque anche d’oltralpe. I due premi, oltre ad inorgoglire la famiglia e l’azienda produttrice, arricchiscono anche il palmares delle due note etichette vinicole, tra le più premiate della selezione made in Coppola, e si aggiungono alle tre medaglie d’oro ottenute dal Doxi in poco più di un anno al Wine Expo Poland  edizioni 2016 e 2017, e alla Selezione del sindaco 2017, e alle due (un oro e un argento) del Li Cuti Rosso conquistate negli stessi concorsi.

Il Doxi Alezio doc rosso riserva è l’etichetta più antica di Cantina Coppola. Un vino rosso sontuoso affinato due anni in grandi botti di rovere. Un blend di 80 per cento negro amaro e 20 per cento malvasia nera. Colore rosso granato evoluto, bouquet persistente con note di  prugna  secca e  frutta matura. All’assaggio  ricco e gustoso su fondo amarognolo, adatto ad accompagnare piatti  ricchi e carni rosse pregiate. Per chi ama osare da provare con pesci dalla carne opulenta. Prende il nome dalla nobile famiglia Doxi imparentata con i Coppola nel 1700. Il Li Cuti rosso Alezio doc, invece è un negro amaro in purezza affinato in acciaio, rosso rubino all’occhio,  profumo  ampio con sentori di mora e prugna. Un rosso fresco e generoso adatto per accompagnare le specialità della cucina mediterranea e i piatti tradizionali  pugliesi. Consigliato, con i piatti di pesce, ad una temperatura di qualche grado più bassa di quella solita di servizio. Prende il nome da tenuta Li Cuti, primo vigneto di famiglia, un “cru” coltivato a vigna dal 1489.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questo riconoscimento  assume un valore tanto maggiore perché a conferma ed in continuità con quelli già ricevuti dagli stessi vini, in particolare nel corso dell’ultimo anno” commenta Giuseppe Coppola, “l’affermazione nel panorama internazionale è per noi fondamentale se inquadrata nell’ottica di sviluppo del settore enoturistico, scommessa su cui si fonda il progetto aziendale della nuova cantina, con annesso ristorante gourmet, che inaugureremo a giugno. Un’offerta ampia che si propone di accompagnare il turista alla conoscenza dei luoghi e dell’enogastronomia che li caratterizza e di promuovere e valorizzare la cultura del vino, non solo come piacere e lusso ma anche come alimento quotidiano in abbinamento ai sapori locali, proprio nei luoghi della sua produzione”. Il podio d’onore ottenuto in quel di Bordeaux è alquanto significativo per i vini salentini tenendo conto del fatto che il Challenge du Vin, rappresenta una delle più antiche e importanti competizioni di Francia e del mondo, e nel 1986  è stato riconosciuto per il suo approccio qualitativo dalla comunità europea. Il concorso, considerato una fucina di nuovi talenti,  è aperto a tutte le tipologie di vino, si svolge in forma di degustazione al buio e si basa sulle regole dell’International Code of Oenological Practices for Vines and WinesE’ una manifestazione completamente indipendente e non è legata ad alcun organismo di stampa o editoriale, né a gruppi commerciali. Vanta ogni anno la partecipazione di oltre 38 paesi del mondo e diverse migliaia di vini in degustazione analizzati da centinaia di esperti di settore. Il concorso enologico è giunto quest’anno alla sua 40esima edizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento