Emergenza Coronavirus, l’avvocatura si asterrà dalle udienze

Proclamata dall’Ocf l’astensione per 15 giorni, a partire da domani. Il Consiglio dell’Ordine di Lecce chiede al ministro Bonafede di estendere a tutto il territorio nazionale la disciplina prevista per la “zona rossa”.

LECCE - Gli avvocati salentini si asterranno dalle udienze da domani fino al 20 marzo, per contrastare  l’emergenza Coronavirus, così come ha deciso ieri, a livello nazionale, l'Organismo Congressuale Forense, in considerazione delle misure di prevenzione disposte per i tribunali, ritenute inadeguate.

Proprio ieri, al termine della riunione, il Consiglio dell'Ordine di Lecce, con delibera, ha chiesto a tutti i Capi degli Uffici Giudiziari di disporre il rinvio di tutte le udienze per 15 giorni, chiedendo al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di estendere a tutto il territorio nazionale la disciplina prevista per la “zona rossa”.

Il Consiglio è convocato in seduta permanente, e si riunirà nuovamente domani alle 12 per verificare l’effettiva adozione delle misure richieste. 

“Le attuali condizioni e modalità di fruizione dei servizi di cancelleria e la partecipazione alle udienze sia pubbliche che a porte chiuse, comportano la contemporanea presenza di un numero significativo di persone nello stesso luogo, appaiono non idonee a contenere e a contrastare la diffusione del virus, risultando, per giunta, gravemente lesive della dignità dell’avvocato”, si legge nella delibera (pubblicata sul sito dell’Ordine), che ha avuto un solo voto contrario, quello del consigliere Luigi Piccinni, la cui proposta era di astensione immediata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

Torna su
LeccePrima è in caricamento