rotate-mobile
Attualità

"Evitare recite e feste". La raccomandazione di Emiliano al mondo della scuola

Lettera del presidente della Regione alla direttore dell'Ufficio scolastico pugliese. I dati del monitoraggio settimanale indicano che nelle fasce di età fino a 13 anni il virus circola a velocità doppia rispetto al resto della popolazione

LECCE - Vaccinarsi contro il Covid e rispettare le misure di prevenzione del contagio - uso della mascherina, igiene delle mani, distanziamento - è l'unica maniera per attenuare l'impatto dell'ondata che sta interessando, un pezzo dopo l'altro, tutta l'Europa (e Usa) arrivando fino in Puglia, al momento una delle regioni con la minora incidenza di circolazione virale. Ma di tempo ce n'è pochissimo, perché la variante Omicron, che ha buone probabilità di diventare prevalente, ha un tempo di raddoppio dei contagi stimato in due, tre giorni, secondo l'esperienza dei Paesi che per primi ne sono stati investiti. 

Il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha scritto a Giuseppe Silipo, direttore dell'Ufficio scolastico regionale, per chiedere di evitare qualsiasi occasione di assembramento negli istituti, accantonando le ipotesi di recite e festeggiamenti di altro tipo:  "Un piccolo sacrificio - ha spiegato - che può però contribuire a preservare la serenità per le festività dei prossimi giorni”. Per supportare questa sollecitazione il governatore ha allegato i dati del monitoraggio nella settimana tra il 13 e il 19 dicembre "con i contagi che crescono ad un ritmo del 30% rispetto alla settimana precedente in Puglia. Nei primi giorni di questa settimana, la pendenza della curva è diventata ancora più ripida, suggerendo che l’incremento sia dell’ordine del 50-60% su base settimanale".

Nelle fasce di età pediatriche il valore dell'incidenza è di gran lunga superiore a quello medio regionale, fino a 222 casi ogni 100mila nella fascia tra i 6 e i 10 anni, praticamente due volte e mezzo rispetto al resto della popolazione: "Solo nell’ultima settimana - ha aggiunto Emiliano -, si contano 721 nuovi casi positivi tra i bambini di 3-11 anni, il 21% di tutti i contagi rilevati nel periodo".

Sul fronte della vaccinazione si registra un'ulteriore progressione: l'82 percento della popolazione pugliese ha completato il ciclo primario (media italiana 79,9), mentre quasi un terzo ha già fatto la terza dose. Nella fascia di età tra i 5 e gli 11 anni, ammessa alla campagna a partire dal 16 dicembre, la copertura è al 3,3 percento. In provincia di Lecce le dosi somministrate ieri, lunedì, sono state 7.349, di cui 714 a bimbi tra i 5 e gli 11 anni (per un totale di 2.553 dal 16 dicembre).

Tenendo presente i dati demografici di Istat (leggermente diversi da quelli dell'anagrafe sanitaria su cui si basa il report settimanale di Asl), in provincia di Lecce ha completato il ciclo primario l'82.65% della popolazione over 12, mentre il 28 ha ricevuto anche la terza dose. Ha completato la vaccinazione il 74.86% della fascia 12-19, il 74.11% della fascia 20-29, il 73.98% della fascia 30-39, il 78.84% della fascia 40-49, l'83.12% della fascia 50-59, il 89.05% della fascia 60-69, il 95.85% della fascia 70-79 e il 94.97% degli over 80.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Evitare recite e feste". La raccomandazione di Emiliano al mondo della scuola

LeccePrima è in caricamento