menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Focolaio nella casa di riposo e il dato dei contagi in Puglia s'impenna

La struttura si trova ad Alberobello. Sono 315, in tutto, i tamponi risultati positivi sui quasi seimila processati. Tra Lecce, Tricase, Galatina, Nardò, Muro Lecce e Casarano undici nuovi casi

LECCE – Le 71 positività al Covid-19 emersi in una casa di riposo di Alberobello – 59 ospiti, 12 operatori – incidono sul dato complessivo riportato nell’odierno bollettino regionale, con 315 nuovi casi confermati. La Asl di Bari ha commissariato la struttura, la Fondazione Giovanni XXIII, che è di natura privata, anche in considerazione del fatto che il personale sanitario si trova interamente in isolamento fiduciario.

Nel dettaglio per provincia il quadro epidemiologico è il seguente: 169 nuovi casi a Bari, 55 a Foggia, 37 a Taranto, 28 nella Bat, 13 a Brindisi e 11 a Lecce. Nello specifico del Salento: due casi rispettivamente nel capoluogo, a Tricase, a Muro Leccese, a Galatina, a Nardò e uno a Casarano. Con 911 casi dall'inizio dell'epidemia, la provincia di Lecce è quella che la più bassa incidenza della regione, pari a 11,5 contro 25,3 casi ogni diecimila abitanti.

I tamponi processati nei laboratori pugliesi sono stati 5.844, con un ulteriore incremento rispetto al “record” di ieri (5.588), e la percentuale degli esiti positivi del 5,4 percento. I decessi sono stati due, in provincia di Bari e Foggia (618 il totale), i guariti 82 (5.317 in tutto): il numero dei casi attualmente positivi si porta dunque di 4.229, di cui 3.895 – pari al 92 percento – si trova isolato a domicilio, con sintomi lievi parainfluenzali o senza alcun sintomo.

Praticamente stabile il numero dei ricoveri – passato da 333 a 334 – e calo di due unità delle terapie intensive, fatto che è verosimilmente causato anche dai decessi.

Leggi il bollettino del 14 ottobre

Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità in pectore e fino a poco prima delle recenti elezioni responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione, ha sollecitato i cittadini alla massima collaborazione: "L'aumento dei casi e della conseguente attività di tracciamento dei contatti è segno di un significativo aumento di circolazione virale. Le strutture territoriali stanno lavorando in tutta la regione 24 ore su 24 per individuare e limitare tutti i focolai di diffusione. Invitiamo tutti i cittadini a seguire in maniera stringente le nuove regole dettate dal governo per poter contribuire, ciascuno nel proprio ambito, ad evitare un aggravarsi della situazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento