rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità

Baia Verde, sedici nuovi “occhi elettronici” per garantire maggiore sicurezza

A luglio la sollecitazione dell'associazione che accorpa residenti e villeggianti. Il sindaco Minerva: "Obiettivo raggiunto". Usati 30mila euro di fondi comunali. Presenti anche apparecchiature in grado di leggere le targhe

GALLIPOLI – L’ultima sollecitazione era arrivata a luglio. L’associazione Pro Baia Verde, composta da residenti e villeggianti, tramite il suo presidente, Giuseppe Bruno, aveva chiesto una soluzione definitiva a una serie di problemi: sicurezza, viabilità e traffico, allagamenti. E, sul fronte della sicurezza, che comprendeva anche una specifica richiesta, riguardante una copertura di telecamere, arriva a ridosso di ferragosto la risposta dell’amministrazione comunale, riguardante proprio l’attivazione del nuovo sistema.

La rete di telecamere, spiegano dal Comune, consentirà la copertura del territorio della marina attraverso l’istallazione di ben sedici “occhi elettronici”. Scopo evidente, garantire maggiore sicurezza a cittadini, residenti, turisti e visitatori. Si tratta di un progetto integralmente coperto da fondi comunali per circa 30mila euro. Così, dunque, il sindaco Stefano Minerva ha voluto rispondere alle istanze mosse dal mondo dell’associazionismo a tutela della Baia Verde. Un risultato che arriva anche dopo una serie di incontri tematici con la prefettura di Lecce.

La nuova rete di telecamere

“L’amministrazione comunale – ha spiegato il primo cittadino – ha inteso rispondere con i fatti alla legittima richiesta di maggiore sicurezza promossa dai residenti e dall’associazione della Baia Verde, nel limite delle proprie competenze e del proprio ruolo, coadiuvandosi con gli altri organi a ciò preposti, in primis le forze dell’ordine. Si tratta di uno strumento su cui ci siamo impegnati perché sicuramente garantirà benefici certi nell’ottica di una maggiore sicurezza nella Baia Verde – ha aggiunto –, ma anche per garantire controlli in tema ambientale e più in generale di tutela del territorio”.

Tra le telecamere istallate, infatti, vi sono anche apparecchiature in grado di leggere le targhe dei motoveicoli, proprio per sanzionare eventuali atti contro la tutela e il decoro ambientale o, più in generale, ogni tipo di attività illecita. “Questo obiettivo promesso e raggiunto – ha commentato la consigliera comunale delegata alla Sicurezza, Serena Pepe – è un altro tassello che si aggiunge agli altri risultati posti in essere da quest’amministrazione comunale proprio in favore della Baia Verde, come ad esempio la postazione di primo soccorso.  A dimostrazione che quanto viene richiesto dal mondo dell’associazionismo – ha concluso – e più in generale dalla cittadinanza, oltre le sterili polemiche, viene tenuto in debita considerazione ed attuato”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baia Verde, sedici nuovi “occhi elettronici” per garantire maggiore sicurezza

LeccePrima è in caricamento