Gasdotto Tap, aula bunker anche per il processo sull'iter delle opere

Acquisite le richieste di costituzione di parte civile e respinta una eccezione riguardante il formato della notifica, il giudice ha disposto il trasferimento nella sede dell'altro processo, quello ai 92 attivisti

LECCE- Rinviata al 20 novembre l’udienza del processo che coinvolge una ventina di indagati, tra cui il management di Tap, che sta costruendo il gasdotto tra l’Albania e l’Italia.

Convinzione della pubblica accusa è, infatti, che l’avvio e la prosecuzione dell'opera – contestata da parte di attivisti, associazioni e alcuni enti locali con in testa il Comune di Melendugno nel cui territorio ricade l’approdo – siano avvenuti in carenza di autorizzazioni, valutando come illegittimi i decreti ministeriali del 2014 e del 2015. Ci sono poi altre contestazioni, tra le quali l’inquinamento della falda nell’area di cantiere di San Basilio (a San Foca).

La Seconda sezione penale – giudice Silvia Saracino – ha acquisito le richieste di costituzione di parte civile, tra cui anche quella del Comune di Lecce, che ora saranno vagliate, ma ha anche respinto una eccezione della difesa riguardante il formato elettronico della notifica dell’udienza odierna, per la quale è stato utilizzo il Word invece del Pdf. Il rinvio è anche dettato dalla necessità di un’aula più capiente, in coerenza con le disposizioni di prevenzione del Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poco dopo è stato ufficializzato il trasferimento: il procedimento trova accoglienza nell’aula bunker dove, sempre oggi, intorno alle 12,30  ha preso il via quello contro 92 attivisti No Tap accusati a vario titolo di resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, danneggiamento, violazione dei provvedimenti dell’autorità. In realtà si tratta di tre processi che il giudice, Piero Baffa, non ha riunito ma che saranno affrontanti congiuntamente a partire dal 25 settembre, quando saranno ascoltati 21 testimoni dell'accusa. Il calendario delle udienze, ha rimarcato il giudice, sarà serrato. Gli imputati sono difesi da Francesco Calabro, Guseppe Milli, Elena Papadia, Alessandro Calò, Carlo Sariconi, Marco Milillo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento