rotate-mobile
La barca nel Salento / Castrignano del Capo / Lungomare Cristoforo Colombo

Goletta Verde a Leuca: Legambiente lancia la sfida del rinnovabile in mare

Nel pomeriggio incontro pubblico sull’eolico off-shore: “Più rinnovabili e parchi eolici a mare per chiudere la stagione degli impianti inquinanti. Fondamentale puntare su qualità dei progetti e coinvolgimento dei territori, avviando processi di partecipazione e ascolto”

LEUCA - Puntare sempre più sulle rinnovabili e sull’eolico offshore. È la sfida che vuole lanciare Legambiente Puglia, che approda con la Goletta Verde a Santa Maria di Leuca.

L’imbarcazione, dal 27 al 29 luglio, sarà in Puglia, per dibattiti sulla qualità delle acque ma anche di eolico a mare: per Legambiente, infatti, è fondamentale accelerare il passo nella realizzazione degli impianti a fonti rinnovabili dismettendo le vecchie centrali a carbone prima, e poi quelle a gas, puntando sulla qualità dei progetti e il coinvolgimento dei territori attraverso processi di partecipazione e ascolto per superare eventuali criticità.

Temi che l’associazione ambientalista affronterà questo pomeriggio, alle 18, a Santa Maria di Leuca, nel corso dell’incontro pubblico “Eolico offshore. La transizione energetica passa dal mare” in programma presso la Sala hotel Terminal, Lungomare Colombo 59, pensato per fare il punto sul territorio pugliese, che questi anni ha pagato pesantemente la scelta di poli energetici (quello a carbone di Brindisi in particolare, senza dimenticare le centrali a gas di Modugno, Candela e Taranto) e che oggi vede nella centrale Brindisi sud, in cui era in corso il programma di dismissione e bonifica, crescere, su disposizione del governo inseguito alla guerra in Ucraina, il consumo di carbone fin oltre i 4 mln di tonnellate all’anno. Per Legambiente la strada da seguire è un’altra: la transizione energetica deve passare attraverso le rinnovabili sfruttando l’energia del sole e del vento, a partire dal centro sud e le isole.

All’incontro di oggi, moderato da Daniela Salzedo, direttrice Legambiente Puglia, interverranno: Alice De Marco, portavoce Goletta Verde, Ruggero Ronzulli, presidente Legambiente Puglia, Doretto Marinazzo, responsabile energia Legambiente Puglia, Vincenzo Leone, Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata Jonica Contrammiraglio (CP), Stefano Piraino, Università degli Studi del Salento e Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, Ennio Cillo, già Sostituto Procuratore Generale di Lecce. Concluderà l’incontro Stefano Ciafani, presidente nazionale Legambiente.

 “La guerra in Ucraina – ha dichiarato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente - ha amplificato in Europa ed in Italia una crisi energetica causata dall’assenza di azioni efficaci sullo sviluppo di fonti rinnovabili ed efficientemento energetico, nel pieno di un’emergenza climatica che investe ormai anche la pianura padana con l’attuale siccità, senza dimenticare lo scioglimento dei ghiacciai sulle Alpi. È fondamentale recuperare il terreno perso accelerando la realizzazione degli impianti da rinnovabili, semplificando la normativa e velocizzando gli iter autorizzativi. A Taranto ci sono voluti 14 anni, tra ritardi e ostracismi istituzionali, per riuscire a realizzare e inaugurare l’impianto eolico offshore. E nel nostro Paese ci sono tanti altri progetti sulle rinnovabili bloccati per eccessiva burocrazia, no delle amministrazioni locali, pareri negativi delle Sovrintendenze, moratorie delle Regioni, proteste dei comitati locali e di alcune associazioni ambientaliste. Tutto ciò è inammissibile. Lo ripetiamo, nessun impianto è perfetto, ma insieme, attraverso percorsi di partecipazione e ascolto dei territori, è possibile trovare la strada per raggiungere gli obiettivi climatici, ma anche per offrire opportunità di innovazione e sviluppo sostenibile chiudendo definitivamente centrali inquinanti come quelle presenti sul territorio pugliese a partire da Brindisi”.

“Mentre altri sceglievano la strada superficiale di un sì o un no a prescindere e la Regione Puglia emetteva un provvedimento per indicare aree idonee su specchi di mare che non sono di sua competenza – ha spiegato Ruggero Ronzulli, presidente di Legambiente Puglia - , invece di aggiornare quelli concernenti aree a terra di sua competenza, Legambiente ha affrontato anche questo tema partecipando alla consultazione nell’ambito della fase di scoping sui due progetti Odra e Kailia, indicando puntualmente gli elementi procedurali e di merito riguardanti l’esame dei progetti. Perché la transizione energetica va guidata e accompagnata con serietà, competenza e approccio scientifico. Infatti molte delle nostre richieste sono state recepite dalla commissione tecnica che ha valutato il progetto per conto del ministero della transizione ecologica, prescrivendo: particolareggiati dettagli progettuali nello studio di impatto ambientale, studi analitici sul sito, alternative di localizzazione degli impianti e delle infrastrutture connesse, opzioni diverse riferite alla potenza da installare ed alle caratteristiche delle piattaforme degli aerogeneratori, dei sistemi di ancoraggio e dei cavidotti, ecc.  Il tema dell’Eolico Off-shore, così come tutte le altre tecnologie energetiche, non può essere affrontato con ambientalismo pirotecnico, ma solo ed esclusivamente con approccio tecnico-scientifico”.

Goletta Verde e la campagna sull’eolico off-shore – A bordo di Goletta Verde, che ha come partner principali ANEV, CONOU, Novamont e Renexia, partner AIPE, media partner La Nuova Ecologia, quest’anno viaggerà anche la campagna “Il panorama non cambia. Il futuro sì” per smontare le fake news sull’eolico off-shore, coinvolgere e sensibilizzare le comunità coinvolte dai nuovi progetti, promuovere l’uscita dalle fonti fossili per fermare la crisi climatica, stimolare le imprese a presentare progetti sempre migliori e integrati nel paesaggio.

I prossimi eventi di Goletta Verde in Puglia: Giovedì 28 luglio 11:30 presso il porto turistico Santa Maria di Leuca, a bordo di Goletta Verde, si terrà il Dibattito-Aree Marine Protette, riserve naturali e parchi: risorse e valorizzazione del territorio. Nel pomeriggio, dalle 18:00 alle 20:00, visite all’imbarcazione e laboratori didattici per bambini: Delfi Lab - La specie, i comportamenti e le minacce: impariamo come proteggere i delfini e il nostro mare. Venerdì 29 luglio a Bari ore 10:30, presso la sede di Legambiente Puglia, viale della resistenza 48 B/2, si terrà la conferenza stampa di presentazione dei dati sulla qualità delle acque monitorati da Goletta Verde lungo le coste della Puglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Goletta Verde a Leuca: Legambiente lancia la sfida del rinnovabile in mare

LeccePrima è in caricamento