Il capo della polizia Gabrielli a Guagnano per la nuova sede dell'Anps

La cerimonia domani. Sarà scoperta una targa in memoria del maresciallo Giuseppe Barba, morto tentando di sventare una rapina

GUAGNANO – Il capo della polizia torna nel Salento e questa volta per inaugurare la nuova sede dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato a Guagnano. Il prefetto Franco Gabrielli arriverà in piazza del Rosario, nel comune del nord Salento, alle 10,30, e presenzierà alla cerimonia insieme ad autorità militari e civili, accompagnato dal questore Andrea Valentino.

Nel corso della cerimonia si scoprirà anche una targa commemorativa dedicata al maresciallo della polizia Giuseppe Barba, morto a 49 anni il 15 giugno del 1982, mentre, libero dal servizio, interveniva nel corso di una rapina all’interno di un ufficio postale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giuseppe Barba, di Monteroni, quel giorno intervenne nel corso di una rapina che si stava perpretando proprio nella sede postale della sua cittadina. Non aveva con sé l’arma di ordinanza, ma questo non lo frenò dall’affrontare i due malviventi. Ne bloccò uno, ma intervenne il complice  per liberarlo e quando l’altro si alzò da terra, esplose un colpo di pistola a bruciapelo. Il poliziotto morì poco dopo a causa della gravità della ferita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

  • Rave nelle campagne, musica sparata per ore: sgomberati in circa 300

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento