Il depuratore di Maglie sarà potenziato. Approvati lavori per 10 milioni

Novità importanti dopo il consiglio di amministrazione di Aqp che ha deliberato interventi complessivi per 66 milioni di euro. Lavori per acqua e fogna anche a Patù e nelle marine di Ugento

MAGLIE - Il consiglio di amministrazione di Acquedotto pugliese, nel corso dell’ultima seduta, ha deliberato l’avvio delle procedure di appalto per complessivi 66 milioni di euro per l’innovazione, il potenziamento delle reti idriche e fognarie e nel comparto depurativo. Proprio sul tema depuratori Aqp ha approvato la procedura di gara anche per il potenziamento dell’impianto a servizio del comprensorio di Maglie. L’importo dei lavori deliberati è di quasi 10 milioni di euro.

Per la piattaforma magliese, con un programma della durata di circa due anni, oltre a conseguire il potenziamento della linea acque e il ripristino funzionale della linea fanghi, è prevista l’installazione di nuovi sei impianti di abbattimento delle emissioni odorigene. Tra gli interventi, la realizzazione di una vasca di disinfezione delle extra-portate, l’installazione di nuove pompe e di misuratori di portata e sensori di monitoraggio, il ripristino funzionale della stabilizzazione anaerobica con l’installazione di quattro cupole di chiusura del digestore, un impianto di desolforazione biogas e una torcia di combustione biogas. La durata dell’intervento è di circa due anni dalla consegna dei lavori. Tutte le opere sono pianificate dalla Regione Puglia e finanziate con i fondi Por Puglia 2014-2020 e stanziati dal Cipe.

Novità importanti anche sul versante del completamento delle reti idriche e fognarie. È infatti  di circa 6 milioni di euro l’importo a base d’asta per i lavori a Patù, che prevedono il completamento della rete idrica con ulteriori cinque chilometri di nuovi tronchi fognari.  Lavori di completamento delle reti di acqua e fogna previsti e finanziate anche per le marine di Ugento, a Torre Mozza, Torre Fontanelle e parte di Torre San Giovanni. Previsti 4,5 chilometri di nuove condotte idriche e circa otto chilometri di tronchi fognari, il completamento del sistema di collettamento dei reflui al depuratore di Ugento e la realizzazione di sei impianti di sollevamento. L’importo a base d’asta è di 9 milioni e 300 mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento