rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Attualità

Il tasso di ospedalizzazione resta minimo, ma Asl Lecce raccomanda prudenza

Rispetto al report del 17 luglio, quando erano cinque, i casi di Covid attivi sono triplicati: la metà ricade nella fascia fino a 35 anni. In una settimana fatti oltre 1.800 tamponi: positivo lo 0,65 percento

LECCE - Asl Lecce raccomanda il rispetto del distanziamento fisico e del divieto di assembramento, senza dimenticare l'utilizzo della mascherina nei luoghi chiusi e all'aperto laddove necessario.

Nell'ultima settimana, infatti, il numero dei casi attivi di Covid-19 è passato da 5 a 16 e nel Salento, meta turistica per eccellenza, l'incremento registrato rappresenta un segnale da non sottovalutare, anche e soprattutto in previsione di un autunno con molte incognite. Il tasso di ospedalizzazione resta comunque ai minimi termini, a testimonianza di una circolazione a bassa intensità del virus, complice la bella stagione.

La geografia dei comuni interessati dall'infezione vede Carpignano Salentino con 4 casi (pochi giorni addietro il tampone positivo per un uomo di 65 anni, dopo il quale sono emersi altri sei tamponi positivi tra i suoi contatti stretti), Copertino con 3 (la famiglia rientrata dal Brasile, già monitorata), Lecce con 2 (uno in più della scorsa settimana) e poi Poggiardo, San Cesario di Lecce, Santa Cesarea Terme, Specchia con un caso. Due tamponi positivi si riferiscono a migranti e  altri cinque sono riferiti comunque a infezioni contratte all'estero.

I casi testati in provincia di Lecce nell'ultima settimana sono stati 1.833: di questi dodici quelli risultati positivi alla prova del tampone, per una percentuale dello 0,65. Quattro sono associati a donne, otto a uomini. La metà delle infezioni scoperte è riferita alla fascia di età 0-35 anni, 5 a quella dai 50 ai 69 e una alla fascia tra i 70 e i 79 anni. 

Il numero dei pazienti ospedalizzati è aumentato di una sola unità rispetto al dato del report precedente, quello del 17 luglio: attualmente sono quattro le persone ricoverate, due nel reparto di Malattie Infettive Covid di Galatina e due nel reparto di Malattie Infettive a Lecce. Incremento di una unità anche per quanto riguarda i guariti, che ora sono 445 dall'inizio dell'epidemia.

Scarica il report Asl Lecce del 24 luglio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il tasso di ospedalizzazione resta minimo, ma Asl Lecce raccomanda prudenza

LeccePrima è in caricamento