Il Tribunale resta a secco. Da stamattina disagi per un guasto all’impianto idrico

La sede di viale De Pietro senz’acqua e la Confsal-Unsa chiede interventi urgenti e se necessario la sospensione dell'attività. Tecnici al lavoro, ma si ignorano i tempi di ripristino

LECCE - Dal super affollamento delle aule d’udienza, agli ascensori spesso fuori uso e ora anche la mancanza di acqua corrente: nuovi disagi per il personale e gli utenti  presso il palazzo di giustizia di Lecce. L’inconveniente è stato segnalato dal segretario regionale della Confsal-Unsa, Giovanni Rizzo, che ha chiesto interventi urgenti e se necessario la sospensione dell'attività. Niente acqua corrente questa mattina presso il Tribunale di viale De Pietro. Una sgradevole sorpresa per il personale giudiziario e di magistratura e per l'utenza che frequentano massicciamente udienze e uffici. A causa di un guasto sull’impianto gli uffici giudiziari sono rimasti per lungo tempo senza rifornimento idrico. La riparazione è stata già disposta, ma dopo infruttuosi tentativi, in questo momento il guasto non è ancora stato riparato.

La mancanza di acqua corrente rende impraticabile l'igiene personale di ogni tipo nonché inservibili i servizi igienici, la cui carenza può causare e anzi già causa danni sensibili a chi ha bisogno di essi per ineliminabili motivi di salute e per assunzione di farmaci. Non è dato sapere al momento l’entità del guasto e i tempi certi di ripristino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il disagio generale cresce” lamenta Rizzo, “e purtroppo sembra che ci siano stati anche di recente vari interventi e si teme che emerga come l'impianto idrico sia assai fatiscente. La Confsal-Unsa ha scritto nelle prime ore al presidente della Corte d'appello e al procuratore generale, nonché alla segreteria generale del sindacato, affinché si proceda il più rapidamente possibile. Va accertato se sia possibile riparare il guasto in tempi brevi e in ogni modo studiando soluzioni alternative, in particolare servizi igienci sostitutivi. Fino all'esito e in caso di prolungamento dell'inconveniente ho chiesto la sospensione dell'attività per motivi di salute pubblica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento