Attualità Cutrofiano

Impianto di compostaggio a Cutrofiano? Un'associazione si mette di traverso

Il Forum amici del territorio ha diffidato la Provincia di Lecce a “non rilasciare qualsivoglia atto autorizzativo”. Il motivo? Una presunta difformità rispetto al Piano regionale di gestione dei rifiuti speciali

CUTROFIANO – Un nuovo impianto di compostaggio fa capolino sul territorio di Cutrofiano: a presentarlo è stata la società Humus. La srl chiede di essere autorizzata a realizzare un impianto industriale che si dovrà occupare del trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani e verde (frazione verde composta da sfalci di potature), tramite il processo di digestione anaerobica e post-compostaggio nel suddetto comune.

Ma c'è un'associazione che sta storcendo il naso e vuole entrare nel merito della questione: il Forum amici del territorio. Gli attivisti hanno già inviato agli uffici della Provincia di Lecce una diffida chiedendo di “non  rilasciare, qualsivoglia atto autorizzativo relativo al procedimento dell’impianto”.

Alla base vi sarebbe un nodo da sciogliere, come scrive in una nota stampa il presidente del Forum, Gianfranco Pellegrino: “L’istanza del progetto del mega impianto industriale non è conforme al Piano regionale di gestione dei rifiuti speciali”.

Secondo l'associazione, riassumendo i termini della questione, non sarebbero state “dichiarate le quantità dei singoli rifiuti speciali, suddivise per codice Cer (Catalogo europeo dei rifiuti) e il titolo del progetto parla di sola Forsu (frazione organica dei rifiuti urbani) e sfalci di potatura, tralasciando il trattamento dei rifiuti speciali dell’industria alimentare e zootecnica”.

Sulla base di questa presunta difformità, il Forum ha chiesto quindi all'ente provinciale di non proseguire l’istruttoria.

Il prossimo passaggio tecnico per l'approvazione del progetto sarà quello della Conferenza di servizi durante il quale l'associazione esporrà, dettagliatamente, le proprie osservazioni e i propri dubbi sul possibile impatto paesaggistico e ambientale.

Il Forum si dice disposto ad appoggiare “qualsiasi impianto per il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani, che ha come modello quello di Melpignano, ovvero impianti a controllo pubblico e dimensionati all’esigenza della nostra comunità”, rifiutando, a priori, “i mega impianti industriali”.

“Siamo molto delusi dalle affermazioni del sindaco di Cutrofiano riportate dai giornali, che si è detto possibilista nell’appoggiare il mega impianto industriale nel cuore del Parco dei Paduli: un segno evidente di poca attenzione per la tutela del nostro territorio”, conclude la nota stampa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto di compostaggio a Cutrofiano? Un'associazione si mette di traverso

LeccePrima è in caricamento