rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Il bollettino regionale

In Puglia altri 4.748 casi positivi. Sale ancora il numero dei decessi

Ancora costante il dato giornaliero dei contagi sul territorio regionale su 28.428 test eseguiti. Altre 12 vittime e il numero complessivo dall’inizio della pandemia passa ora a 7.779. Nuove indicazioni e accorgimenti da seguire per la raccolta differenziata

LECCE - Il rendiconto giornaliero della situazione epidemiologica in Puglia registra altri 4.748 casi di infezione al Sars Cov 2 su 28.428 test eseguiti e analizzati. Si accresce ancora il bilancio delle vittime: altre 12 inserite nel database e il numero complessivo dall’inizio della pandemia passa ora a 7.779.

Sempre la provincia di Lecce continua a far registrare il numero più alto di casi di positività che sono stati 1.464. Gli altri sono ripartiti tra i 1.303 della provincia di Bari, i 389 della provincia di Barletta-Andria-Trani, i 388 della provincia di Brindisi, i 606 della provincia di Foggia e i 545 della provincia di Taranto. Tra i residenti fuori regione si contano altri 41 casi e per altri dodici la provincia di appartenenza non è stata ancora definita.

Attualmente i pazienti ricoverati in area medica, non critica, sono 529 (ieri erano 543), mentre i degenti in terapia intensiva sono ora 30. Il numero delle persone attualmente positive negli ultimi due giorni è tornato a risalire: i casi attivi sono ora 77.587, con 3.755 nuove guarigioni certificate e con uno scarto, tra nuovi positivi e decessi, di 981 casi attivi in più rispetto ai 76.606 di ieri.

Con l’aggiornamento dei dati odierni i casi totali di persone contagiate in Puglia dall’inizio della pandemia sale a 777.543, di cui 141.457 in provincia di Lecce. Il dato complessivo delle persone completamente vaccinate in Puglia è al momento pari a 3.412.526.

Leggi il bollettino

Differenziata per i positivi, nuove indicazioni  

In linea con le ultime raccomandazioni dell’Istituto superiore di sanità, da lunedì 14 marzo le persone in isolamento per positività da covid19 potranno tornare a conferire i rifiuti domestici attraverso il consueto sistema di raccolta differenziata porta a porta.

Era successo già a Nardò, con la comunicazione del Comune, e ora anche a Lecce le utenze relative ad abitazioni dove sono presenti cittadini positivi al covid non dovranno più dunque conferire tutti i rifiuti, in maniera indifferenziata, in sacchi sigillati e ritirati da Monteco con uno speciale servizio, ma potranno effettuare la normale raccolta differenziata, solo con qualche accorgimento nelle modalità di conferimento.

Ovvero, per conferire tutte le frazioni, i cittadini positivi dovranno utilizzare (laddove previsti) almeno due sacchetti uno dentro l’altro (della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta, dunque doppio sacchetto compostabile per l’umido e doppio sacchetto di plastica per la plastica).

I fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per test di autodiagnosi Covid e materiali che possano essere stati contaminati vanno conferiti in una busta separata, che poi va chiusa e gettata nel contenitore per la raccolta del materiale non riciclabile (indifferenziata o mista).

Occorre poi chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani, eventualmente indossando guanti mono-uso, non far accedere gli animali da compagnia nel locale in cui sono presenti i sacchetti di rifiuti per evitare rotture dei sacchetti e ogni volta che c’è da smaltire oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare rotture dell’involucro, assicurarsi che ciò non avvenga avvolgendoli con carta o inserendoli in un contenitore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Puglia altri 4.748 casi positivi. Sale ancora il numero dei decessi

LeccePrima è in caricamento