rotate-mobile
Risposta in tempi brevi

Incendi a San Cataldo: chiesto il riconoscimento dello stato di emergenza

Dalla giunta la delibera poi trasmessa al presidente pugliese Emiliano e al ministro Fitto per ottenere le risorse necessarie per rimediare al disastro e ai danni

SAN CATALDO – Il turbamento, la rabbia e il dolore. Il giorno dopo l’inferno, lo scenario spettrale di San Cataldo si manifesta nella sua brutalità: la marina leccese devastata dagli incendi di ieri e ferita nella propria bellezza fa i conti col disastro. Ma è anche il tempo di ripartire e di ridare speranza al territorio. Ed ecco perché la giunta comunale di Lecce ha già predisposto e approvato una delibera per il riconoscimento dello stato di emergenza.

Un atto, rapido e concreto, arrivato a conclusione del consiglio comunale odierno, quando l’esecutivo di Carlo Salvemini, in seduta urgente, si è riunita, ratificando il provvedimento e, come da accordi intercorsi telefonicamente fra il sindaco, il governatore Michele Emiliano e il ministro Raffaele Fitto, è stato  immediatamente trasmesso al governo regionale e nazionale, oggi chiamato in consiglio dei ministri ad esaminare le situazioni di Sicilia e Puglia, per poter chiedere e ottenere le risorse necessarie per rimediare ai danni subiti dalla comunità.

Nella stessa delibera, la giunta dà mandato agli uffici di creare un gruppo di lavoro – anche interforze – per la quantificazione dei danni subiti da beni mobili e immobili, pubblici o privati. Al momento, appare evidente che il fuoco ha causato gravissimi danni ad una trentina di abitazioni private, alcune delle quali unica residenza per nuclei familiari leccesi, ad auto parcheggiate, a piccole attività commerciali, a strade di proprietà pubblica e a boschi e macchia mediterranea della zona.

 Questa mattina presto e di nuovo nel pomeriggio, il sindaco Salvemini ha effettuato un nuovo sopralluogo a San Cataldo, recandosi anche alla darsena pronta ma non ancora attivata, dove i danni paiono di lieve entità.

 Per l'intera mattinata, è proseguita l’attività di bonifica e spegnimento nelle aree colpite dal fuoco consentendo di tenere sotto controllo alcuni episodi di ripresa delle fiamme alimentate dal forte vento. Le squadre di soccorso disposte nell’ambito del comitato di coordinamento soccorsi saranno presenti per tutta la giornata a presidio della zona.

La giunta, infine, ha programmato un servizio straordinario di ritiro di rifiuti bruciati provenienti dalle abitazioni e di pulizia delle aree pubbliche da polveri e ceneri, che sarà eseguito appena arriverà il via libera dai vigili del fuoco al rientro delle famiglie coinvolte nelle abitazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi a San Cataldo: chiesto il riconoscimento dello stato di emergenza

LeccePrima è in caricamento