menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'isola ecologica sulla riviera di Ponente.

L'isola ecologica sulla riviera di Ponente.

Inciviltà dilagante, il Comune "chiude" le isole ecologiche presso la spiaggia

Ingestibile la situazione sulla riviera di Ponente. Stretta sui controlli ai lidi e ai negozi. Dall'inizio dell'anno oltre cento multe con le fototrappole

PORTO CESAREO – Il menefreghismo e l’inciviltà ancora troppo diffusi hanno convinto l’amministrazione comunale di Porto Cesareo ad eliminare l’isola ecologica che si trova sulla Riviera di Ponente. E presto stessa sorte toccherà ad altri punti di conferimento.

La decisione è stata spiegata con la riottosità dimostrata nei confronti della raccolta differenziata: i controlli effettuati hanno messo in evidenza rifiuti mescolati senza alcun criterio e sacchetti abbandonati a ridosso dei contenitori che provocano odori nauseabondi anche perché gli involucri utilizzati non sono quelli appositi.

L’isola ecologica “chiusa” è particolarmente utilizzata da turisti e fruitori più o meno occasionali delle spiagge della riviera, ma è anche impropriamente utilizzata, come del resto le altre dislocate sul territorio comunale, da residenti che ancora non si sono adeguati alle modalità della raccolta porta a porta: dall'inizio dell'anno sono stati più di cento i cittadini immortalati dalle fototrappole intenti a liberarsi di rifiuti di ogni tipo nelle zone periferiche e in campagna. Le conseguenti sanzioni sono di 333 euro.

dc5dbe8d-f7ca-48f2-ba02-bd4983ff6c13-2Il Comune di Porto Cesareo, consapevole anche del danno di immagine oltre che delle questioni sanitarie e ambientali, sta cercando di arginare come meglio può i comportamenti scorretti e incivili con controlli e sanzioni alle attività commerciali e alle strutture ricettive e balneari che non differenziano la raccolta: per chi viene colto in fallo la sanzione è di 50 euro, ma l'importo aumenta e viene inoltrata anche una segnalazione alla Asl. La polizia locale guidata dalla comandante  Serenella Giangrande sta battendo a tappeto tutta la cittadina ionica.

Ai gestori degli stabilimenti, inoltre, è stato chiesto inoltre di mantenere pulita la parte di arenile adiacente alla propria concessione, come prevede un’ordinanza della capitaneria di porto. In caso di inosservanza, ha chiarito il sindaco Salvatore Albano, sarà sollecitato l’intervento delle forze dell’ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento