menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dal report Asl il trend dei positivi sui casi testati.

Dal report Asl il trend dei positivi sui casi testati.

Incremento di contagi ma anche di guariti: l'incidenza del Covid resta stabile

Il dato dei nuovi positivi è in crescita. In lievissimo aumento il numero dei pazienti ricoverati. Più che dimezzato, invece, il numero di prime dosi di vaccino: appena 1.466 in una settimana

LECCE - Il report di Asl Lecce* fotografa una tendenza all’aumento dei contagi da Covid-19: rispetto alla settimana precedente, su un campione quasi identico di casi testati, circa 4.400, i nuovi casi positivi sono passati da 688 a 812.

In termini percentuali si tratta del 18 percento: un valore è anche di poco superiore al “picco” della prima settimana di gennaio. Solo all’inizio della cosiddetta prima ondata si erano registrati rapporti più alti, ma allora il numero dei test era molto basso e concentrato quasi tutto su casi sintomatici.

Il numero di casi attualmente positivi è passato da 2.106 a 2.129 (+23, pari all’1 percento) perché il dato dei guariti si è incrementato di 777 unità (tenendo così in qualche modo il passo dei nuovi casi confermati) mentre i decessi durante la settimana sono stati 12 (nella precedente erano ne erano stati registrati 23). In provincia di Lecce l’incidenza dei casi attuali, calcolata su mille abitati, è aumentata di un decimale, portandosi a 2,7.

Gli ingressi settimanali in ospedale sono stati 56 (in calo rispetto al dato precedente, di 73), mentre il numero dei degenti, al netto quindi delle dimissioni, è passato da 155 a 161 (+6). I pazienti nel reparto di "Anestesia e Rianimazione" del "Vito Fazzi" sono 16 (uno in meno).

Palmariggi, Salve, Zollino e Castro sono i comuni nei quali non si registrano al momento casi di Covid. Quelli con una incidenza superiore alla media provinciale (2,7 casi attuali per mille abitanti) sono 38: Alezio, Andrano, Alliste, Arnesano, Bagnolo, Botrugno, Cannole (21,5), Carpignano Salentino, Casarano, Castrignano de’ Greci, Collepasso, Cutrofiano, Gagliano del Capo, Giurdignano, Maglie, Matino (11,3), Melissano, Melpignano, Miggiano, Monteroni di Lecce, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Muro Leccese, Ortelle, Parabita (8,6), Patù, Presicce-Acquarica, Racale, Sanarica, Scorrano, Specchia, Spongano, Surano, Taurisano, Taviano, Tiggiano, Trepuzzi, San Cassiano.

Per quanto riguarda la vaccinazione, l’avvio del ciclo della somministrazione della seconda dose, unito alla riduzione delle forniture, ha indotto un rallentamento per le prime dosi: ne sono state inoculate 1.466 , che è meno della metà del dato della settimana precedente. La strategia nazionale - il problema riguarda tutto il Paese o quasi - è quella di completare il percorso di vaccinazione di chi ha già ricevuto la prima dose, in attesa di una normalizzazione dei flussi delle forniture.

Scarica il Report Asl 29 gennaio

*Il report è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo e l'elaborazione dati di Carlo Indino

Legenda: 

i nuovi casi positivi sono quelli emersi nel corso del periodo di riferimento;

i casi attuali sono quelli registrati da inizio epidemia meno la somma tra guariti e decessi;

i casi testati sono le singole persone sottoposte a tampone;

per incidenza si intende il numero di casi attuali ogni mille abitanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento