rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
La decisione

Ingiunzioni di pagamento, deciso lo stralcio totale fino a 1.000 euro

Con apposito regolamento approvato in consiglio, il Comune di Lecce aderisce alla legge nazionale che concede agli enti locali con riscossione dei tributi diretta o affidata a concessionari, di poter procedere all’agevolazione

LECCE - Con apposito regolamento approvato nell'ultima seduta del consiglio, il Comune di Lecce aderisce alla legge nazionale che concede agli enti locali, con riscossione dei tributi diretta o affidata a concessionari, di poter procedere allo stralcio totale delle ingiunzioni di pagamento fino a 1000 euro e alla definizione agevolata di quelle superiori ai 1000 euro.

Nello specifico, lo stralcio totale è previsto per le ingiunzioni fino a 1000 euro relative al periodo che va dal 1° gennaio del 2000 al 31 dicembre 2015 (periodo durante il quale la riscossione per conto del Comune era affidata alla società Soget). Chi rientra in questi casi, non pagherà nulla in automatico, senza dover fare alcuna istanza o richiesta.

Nei casi, invece, delle ingiunzioni che superano i 1000 euro relative al periodo 1° gennaio 2000 – 30 giugno 2022, i cui carichi sono stati affidati al concessionario, si può fare ricorso alla definizione agevolata delle entrate comunali non riscosse, che permette di pagare la sorte capitale, ossia quanto era dovuto sgravato da interessi e sanzioni, insieme alle spese sostenute dal concessionario per le procedure esecutive e le spese di notifica. In sostanza, con la definizione agevolata si paga la cifra originaria più le spese e si risparmiano interessi e sanzioni che, soprattutto se l'ingiunzione è datata, inciderebbero sull'importo in maniera rilevante.

Per accedere alla definizione agevolata, è necessario presentare un'istanza entro il 30 settembre 2023 (la modulistica sarà disponibile sul sito istituzionale del Comune e su quello della Soget).

Con la definizione agevolata, si può rateizzare la somma da pagare fino a un massimo di 36 rate. Il numero delle rate viene quantificato sulla base dell'importo dovuto.

“Queste misure governative alle quali come Comune abbiamo scelto di aderire – dichiara l'assessore ai Tributi Christian Gnoni – rappresentano un'occasione per i cittadini perché rendono più snello e agevole il carico tributario e un beneficio per l'Ente che può abbattere i costi connessi alla riscossione e procedere alla cancellazione di somme iscritte al bilancio vecchie e di difficile riscossione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingiunzioni di pagamento, deciso lo stralcio totale fino a 1.000 euro

LeccePrima è in caricamento