L’estate calda di Baia Verde: parte Piano di interventi su pulizia e controlli

L’amministrazione comunale di Gallipoli ha illustrato le azioni di intervento pianificate nella marina per arginare le criticità che si trascinano da anni. Si parte con il verde, manutenzione, ztl estiva, controlli dei vigili ed entro l’anno con la fogna bianca

GALLIPOLI – Un piano programmatico a breve e lungo termine con interventi e controlli mirati per arginare le ataviche problematiche della marina della Baia Verde che anche nella scorsa stagione estiva è stata al centro delle criticità stagionali di Gallipoli per i nodi legati alla pulizia, la viabilità, la sicurezza e gli allagamenti. Ed è per questo che, in raccordo con l’associazione dei residenti e villeggianti Pro Baia Verde, l’amministrazione comunale del sindaco Stefano Minerva ha approntato una serie di iniziative nevralgiche che nelle intenzioni dichiarate dovranno servire a rendere, nel più beve lasso di tempo possibile, la marina del litorale sud più vivibile e attrezzata per ospitare la massa dei vacanzieri in arrivo.

Si partirà da subito, nonostante le difficoltà burocratiche e di assetto degli uffici comunali, a porre in essere tutti gli accorgimenti utili pianificati dalla giunta comunale e nello specifico dagli assessorati ai Lavori pubblici (presente l’assessore Biagio Palumbo), viabilità e Polizia municipale (delega dell’assessore Paola Scialpi) e Turismo (Titti Cataldi), con gli interventi raccordati con la ditta di igiene urbana con il decespugliamento e la pulizia nelle vie e nelle piazze della marina (compresa la strada vicinale Madonna del Carmine di collegamento che riconduce verso Lido San Giovanni), interventi su marciapiedi, aiuole, segnaletica orizzontale e sul ripristino delle buche stradali. E ancora dal 1° luglio e sino alla fine di agosto tornerà in vigore la zona a traffico limitato e verrà garantito un maggiore presidio e pattugliamento da parte dei vigili urbani.

Sul piano della piaga degli allagamenti entro la fine dell’anno dovrebbe giungere a conclusione l’intervento complessivo sulla rete della fogna bianca, già programmato e finanziato, mentre sono già stati effettuati gli interventi sulle griglie di scolo e sostituite le pompe dell’impianto di sollevamento che lo scorso anno è andato più volte in tilt a causa delle bombe d’acqua e dei temporali estivi che hanno caratterizzato la scorsa stagione. Resta sempre in piedi anche il contenzioso con il consorzio di bonifica sull’ordinanza (il Tar non aveva concesso la sospensiva sul ricorso del consorzio Ugento-Li Foggi, ed ora la battaglia, nell’ultimo giorno utile, si è spostata con un appello al Consiglio di Stato) seguita da due diffide, del sindaco emanata lo scorso anno per disporre la pulizia straordinaria del canali ostruiti che confluiscono in quello dei Samari e considerata non la causa, ma una delle concause degli allagamenti nella marina, mentre sul fronte della viabilità si intrecciano le recenti diposizioni anche delle nuove barriere a protezione della pedonalizzazione della Strada dei Lidi che da oggi è anche video sorvegliata dal comando della polizia locale. Sulla pianificazione in itinere il primo cittadino Minerva ha sottolineato quanto sia stato necessario ed importante il confronto con gli abitanti della zona: lo stimolo continuo, le varie sollecitazioni e suggerimenti hanno portato ad un approccio diverso delle problematiche, molte della quali si trascinano ormai dal lontano passato anche amministrativo della città.

“Come sappiamo, nell’insieme una delle problematiche principali della scorsa stagione estiva gallipolina ha riguardato la zona della Baia verde” ha detto il sindaco Minerva, “non possiamo negare che la scorsa stagione, in quanto molto piovosa, ha creato numerosi problemi. Quest’amministrazione ha ereditato una situazione difficile, per questo l’azione amministrativa, negli ultimi tre anni, ha fatto delle scelte che hanno dato dei risultati, alcuni anche nell’immediato.  Sicuramente, da tre anni ad oggi la Baia Verde è più vivibile. Annunciamo gli interventi richiesti a gran voce, dopo il bilancio approvato qualche mese fa e dopo una serie di pianificazioni. Il metodo che abbiamo adottato è quello del dialogo e del confronto” conclude il sindaco che rivendica con forza i provvedimenti anti affollamento e il piano estivo sulla sicurezza, “questa è un’amministrazione che dialoga, che ascolta e che si fa in quattro per risolvere i problemi”. Per quanto concerne il turismo e lo spettacolo, l’assessore al ramo Titti Cataldi ha garantito la disponibilità da parte dell’amministrazione a far divenire sempre più la Baia Verde un polo attrattivo, per un intrattenimento diverso da quello a cui si è abituati. E per Ferragosto la marina potrebbe ospitare una delle manifestazioni musicali del cartellone estivo.   

Primi interventi: verde e pulizia canali. Poi la fogna bianca

Ad elencare i primi interventi è stato l’assessore ai Lavori pubblici, Biagio Palumbo: “la Baia Verde risente di una carenza di interventi nei periodi passati. Non voglio addossare responsabilità ad altri ma semplicemente constatare la realtà: tutto quello che è mancato in precedenza si riporta in questa amministrazione. Ad oggi esiste un problema di decespugliatura, così come in varie zone della città: abbiamo sollecitato e richiesto alla ditta preposta di intervenire quanto prima in tutta la città e la Baia Verde sarà una delle prime zone interessate. Negli anni, i canali delle abitazioni private sono stati evidentemente ostruiti e quindi ad oggi non consentono il naturale decorso delle acque” ha proseguito l’assessore, “per ovviare a questo problema, i privati saranno chiamati a disostruire i canali delle proprie abitazioni. Inoltre, stiamo predisponendo il tutto, ma non è una questione né semplice, né breve, per la fogna bianca e per risolvere alcune situazioni incresciose in piazza delle Magnolie e in piazza degli Aceri, laddove si verificano i guai peggiori e laddove ci sono cadute eccezionali di acqua piovana, come verificato lo scorso anno. Anche l’architetto respiondabile dell’ufficio tecnico, Mauro Bolognese, dà man forte assicurando che entro la prossima settimana si effettueranno sia il diserbo che la pulizia della Baia Verde. Non mancheranno gli interventi di manutenzione delle strade in alcune zone.  “Entro la fine dell’anno si chiuderà la progettazione della fogna bianca” chiarisce il dirigente, “che sarà la soluzione definitiva agli allagamenti della zona. Ieri inoltre è stata attivato il sistema di videosorveglianza all’entrata della litoranea per impedire il traffico non autorizzato e questo ha riportato sicuramente maggiore ordine. Inoltre, l’impianto delle pompe di sollevamento delle acque nella Baia Verde ora funzionerà senza alcun problema in quanto si è provveduto all’installazione di nuovi impianti”.

Contenzioso con il consorzio di bonifica

Un’altra questione, come detto, riguarda l’ordinanza fatta dal sindaco, nel novembre scorso, nei confronti del consorzio di bonifica Ugento-Li Foggi per la pulizia di quei canali che sfociano nel canale dei Samari per cui il consorzio non ha provveduto a fare la manutenzione. Il Comune di Gallipoli si è costituito in giudizio in attesa del responso del Consiglio di Stato. “Noi siamo pronti a procedere all’attuazione della misura a spese del consorzio” puntualizza Palumbo, “nessuno ha mai detto che i problemi della Baia Verde siano solo derivanti dal Consorzio di bonifica per la mancata manutenzione, ma sicuramente rappresenta una delle concause”.

Viabilità e controlli dei vigili

Su viabilità e polizia locale, l’assessore al ramo Paola Scialpi e il comandante dei vigili, Antonio Morelli, hanno spiegato l’organizzazione del servizio  e la dotazione organica per le criticità del  periodo estivo. Nel pieno della stagione estiva, come ogni anno, la polizia locale di Gallipoli si appresta infatti a fronteggiare il numeroso afflusso dei turisti. Al fine di non farsi trovare impreparati, la giunta aveva già inteso implementare il servizio reso alla cittadinanza prevedendo l’assunzione a tempo determinato di tredici unità già presenti in graduatorie concorsuali. Di queste dieci unità, per vari motivi, solo tre hanno sottoscritto il contratto di lavoro, ragion per cui, l’amministrazione ha deciso, per il periodo estivo, l’implementazione dell’orario di lavoro di tutto il personale assunto a tempo parziale (dieci unità) portandolo a trentasei ore settimanali. Questa maggiore disponibilità di personale darà la possibilità fronteggiare le criticità dovute alla maggiore presenza di turisti nelle zone e nelle ore di maggiore affluenza nelle marine e nel borgo antico.

Da un punto di vista organizzativo, il personale, per poter intervenire anche nelle zone dove vige il divieto di transito dei veicoli, utilizzerà i cicli a pedalata assistita ed i motocicli in dotazione. Inoltre, come già anticipato alle associazioni di cittadini delle zone interessate in incontri delle scorse settimane, nella zona Baia Verde, Rivabella e Lido Conchiglie sarà garantita, compatibilmente con altre esigenze di servizio di carattere urgente e imprevedibile, la presenza di una pattuglia nelle fasce orarie dalle 10 alle 13 e  dalle 16 alle 19.  Come esplicitato dal comandante Morelli, sono stati effettuati già diversi controlli sull’occupazione di suolo pubblico in difformità dell’autorizzazione o, addirittura, senza alcun titolo. A seguito di accertamenti in violazione della norma, sono state emesse diverse ordinanze di ripristino dello stato dei luoghi. Si stanno effettuando controlli anche sui veicoli in sosta nella Ztl ed in divieto di fermata sul perimetro della città vecchia. Con la maggiore disponibilità di personale, dal 15 luglio, è in progetto di istituire il terzo turno di lavoro in modo da garantire la presenza dei vigili in servizio nelle ore serali anche nell’area pedonale della città vecchia, epicentro della “movida”. Tutto ciò permetterà, inoltre, di far fronte alle diverse manifestazioni programmate in completa sinergia con il locale commissariato della polizia di stato retto dalla nuova dirigente Monica Sammati.

L’associazione Pro Baia Verde

A chiudere la conferenza è stato Giuseppe Bruno, presidente dell’associazione Pro Baia Verde: “Come associazione non possiamo entrare in determinati discorsi tecnici che sono di esclusiva competenza degli uffici” ha detto Bruno, “mi faccio portavoce però di quelli che sono stati i vari incontri dove sono state comunicate le esigenze della zona. Baia verde deve essere considerata una risorsa, non un problema: ci rendiamo conto che gli interventi debbano essere studiati e ben strutturati e che ci voglia del tempo. Ora sembra che le cose vadano nel verso giusto. Vogliamo che questi interventi siano l’inizio di un percorso strutturato per definire tutte quelle problematiche che hanno angustiato la Baia Verde per anni. L’importante è dare un segnale ed iniziare. E noi siamo pronto a collaborare, dialogare e anche litigare se necessario ma alla fine remiamo tutti nella stessa direzione verso la soluzione dei problemi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento