Sono 766 i nuovi casi e 21 i decessi. Salento, chiuse scuole di quattro comuni

Decremento rispetto a ieri, con una percentuale che scende all'11,3, ma alto numero di morti registrato oggi in Puglia. Covid-19, un docente infetto e un altro sospetto, si cautelano Otranto, Uggiano, Giurdignano. Due casi ad Alezio

LECCE – Decremento dei nuovi casi di positività al Covid-19, rispetto a ieri, nel nuovo bollettino regionale, ma, purtroppo, alto numero di decessi registrati quest’oggi, ben 22, così distribuiti: quattro in provincia di Bari, nove nella provincia di Barletta-Andria-Trani, due in provincia di Brindisi, tre in provincia di Foggia, uno in provincia di Lecce e due in provincia di Taranto.

Per quanto riguarda, invece, i tamponi registrati come positivi, in Puglia, questa domenica 8 novembre sono stati 766 su 6.723 test, pari, dunque, all’11,3 per cento. Il numero più alto si è avuto nella provincia di Foggia, con 203 casi. A seguire, quella di Barletta-Andria-Trani, con 167 casi. Poi, la provincia di Bari, con 160 casi; quella di Taranto, con 106; quella di Brindisi, con 65; infine, la provincia di Lecce, con 63 nuovi postivi al Covid-19. Altri due sono risultati residenti fuori regione.

Allo stato attuale sono 17.187 i pazienti attualmente positivi in tutta la regione, di cui 16.184 si trovano nel proprio domicilio e 1.003 sono ricoverati. Dall’inizio dell’emergenza i test effettuati sono stati 601.253 test e i guariti 7.677.

Leggi qui il bollettino epidemiologico di oggi

Intanto, i sindaci di tre comuni limitrofi, Otranto, Uggiano La Chiesa e Giurdignano, hanno deciso di chiudere tutte le suole materne, elementari e medie disseminate sui propri territori. Le ordinanze saranno in vigore da domani, lunedì 9 novembre, fino a mercoledì 11 novembre incluso. Una decisione, quella di Pierpaolo Cariddi, Andrea De Paola e Monica Gravante, che nasce dalla comunicazione avvenuta ieri sera, da parte del dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo statale della scuola d’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dei tre comuni, di un caso accertato di positività di un docente e un altro sospetto, in attesa di tampone.

Su Facebook, il primo cittadino di Uggiano La Chiesa, Andrea De Paola, ha spiegato la decisione è stata presa di concerto con il dirigente scolastico e con gli altri sindaci di Giurdignano e Otranto. “Si è deciso per una così drastica soluzione al fine di preservare la salute di tutte le persone interessate al mondo della scuola”. Rassicurando di aver sentito per telefono il docente infetto dal virus, ha aggiunto che è in buone condizioni di salute e che “ha sempre nei giorni scorsi mantenuto un comportamento conforme alle prescrizioni sanitarie”.

“Chiudere le scuole è una scelta difficile”, ha aggiunto De Paola. “Purtroppo la situazione è questa. Richiede a tutti noi un grande sforzo di solidarietà. Richiede equilibrio e prudenza nei comportamenti e nelle parole. L’emergenza sanitaria pone tutti noi davanti alla necessità di mantenere comportamenti rispettosi delle norme, anche se il più delle volte sembrano limitare la nostra libertà. Lo sviluppo della situazione non può essere previsto con certezza. Anche chi come me – ha concluso - era convinto fino a ieri della necessità di riaprire le scuole oggi si trova nella situazione di dover emettere un provvedimento di chiusura”.

Stessa situazione ad Alezio

Stesso dicasi ad Alezio, dove il sindaco Andrea Vito Barone assunto la decisione dopo aver appreso di due tamponini positivi per bimbi della scuola elementare, precisando che "stanno bene e non hanno sintomi" e spiegando di essere in continuo contatto con loro famiglie. E, nel frattempo, ha emesso un'ordinanza di chiusura di tutte le scuole aletine cinque giorni, per "consentire delle azioni di disinfezione più specifiche di tutti gli ambienti, in modo da ripristinare condizioni di piena sicurezza per tutti". "Anche la scuola dell'infanzia resterà chiusa per cinque giorni, unitamente alla scuola per l'Infanzia paritaria delle Suore Compassioniste di Alezio", ha precisato il primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento